PRIMO PIANO
  • Costanza Quatriglio: dalla Triangle a Barletta, morire di lavoro

    L’incendio della fabbrica Triangle a New York nel 1911 e il crollo di una palazzina a Barletta nel 2011. Coincidenze e rispecchiamenti, storie di lavoratrici senza diritti, due epoche storiche quasi opposte che la regista di terramatta ha trattato con uno stile che fa parlare i materiali di repertorio, spezzoni del Luce, dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, found footage americano. Prodotto da DocLab e Factory Film con Rai Cinema e Istituto Luce Cinecittà, Triangle sarà distribuito da Luce nel 2015 dopo l’anteprima al Torino Film Festival nella sezione Diritti & Rovesci. "I sindacati hanno lasciato a casa due generazioni di lavoratori, mi auguro che questo film li faccia riflettere", dice la regista in questa intervista 
  • Corpo a corpo con Jana, prostituta consapevole

    Uno strano cenacolo sulle colline bolognesi, attorno a Jana, una sex worker che si confronta con dodici giovani allievi di un corso di scrittura creativa. Accade nel documentario di Wilma Labate, Qualcosa di noi, a Torino in Diritti & Rovesci e in sala in primavera con Istituto Luce Cinecittà. Un film, prodotto da Simone Bachini, sulla mercificazione, del corpo e della creazione, che parla anche di una generazione incerta e a corto di futuro, tra l'occupazione del Valle e le difficoltà sentimentali
  • Eleonora Danco: Comizio d'amore e di morte

    Tante domande scomode e imbarazzanti sono poste da Eleonora Danco nel suo N-Capace, opera prima apprezzatissima in concorso a Torino 32. Elaborazione del lutto per la morte della madre, inchiesta sui desideri e la sessualità degli adolescenti contemporanei, che un po’ ricorda il pasoliniano Comizi d’amore, gesto dadaista d’ascendenza teatrale, omaggio al surrealismo e a De Chirico, il film della teatrante, artista e performer, costato appena 250mila euro, ha colpito per la sua originalità e l’autoironia a volte crudele. "Con mia madre avevo un rapporto conflittuale - dice l'autrice - ma la morte non ti fa separare da nessuno, bisogna accettare i propri demoni. I temi che indago - morte, famiglia, sesso, scuola – sono temi che riguardano tutti e che restano nelle varie età"

 
 
TFF 2014

TorinoFilmLab, viaggio nel mercato delle coproduzioni

Il 7° Meeting Event si è concluso ieri con una premiazione dentro al Museo del Cinema e una festa notturna. Culmine di un incontro di tre giorni denso di appuntamenti professionali a cui hanno partecipato 200 produttori e decision maker da tutto il mondo e 43 progetti. Tra i premiati anche Viaggio a ritroso di Pietro Marcello e Alfredo Covelli, storia di un tombarolo inseguito dai gangster. Tra i film nati sotto l’egida del TFL anche Mercuriales di Virgil Vernier, in concorso a Torino 32, mentre nel 2015 entreranno in produzione ben 30 film passati per il mercato di coproduzione torinese
 
 
TFF 2014

Ermanno Olmi rilegge il cardinal Martini per il Luce

Presentato al Torino Film Festival il listino Istituto Luce - Cinecittà: quindici documentari che saranno distribuiti nel prossimo anno. Oltre ai tre titoli in programma al Festival (Qualcosa di noi di Wilma Labate, Triangle di Costanza Quatriglio e La scuola d'estate di Jacopo Quadri), ci sarà un film del regista bergamasco su Carlo Maria Martini, L'uomo e gli uomini. Per Roberto Cicutto, ad e presidente del Luce: "Il nuovo listino conferma la nostra attenzione al cinema del reale, siamo alla ricerca di forme innovative di distribuzione e circuitazione"
 
 
TFF 2014

Il peccato originale dell'industria culturale

L’Expo 2015 di Milano ha scelto come spettacolo di punta quello di una compagnia canadese, il Cirque du Soleil, anziché italiano. La provocazione la lancia Roberto Cicutto, ad del Luce, durante un incontro organizzato al Festival di Torino dalla rivista 8 ½ sul tema: "Fra miserabilismo e mecenatismo - Esiste in Italia l’industria culturale?". L'argomento ispira la copertina del numero 17 del magazine. A parlarne Alberto Barbera, Alberto Abruzzese, Maite Carpio Bulgari, Emiliano Morreale e Domenico Sturabotti, nel dibattito coordinato da Gianni Canova 
 
 
TFF 2014

Davide Maldi: il frastuono interiore di adolescenti di provincia

Frastuono, il secondo italiano in Concorso a Torino 32, è un docufilm dai dialoghi spesso assenti, pieno di silenzi. Iaui e Angelica, due adolescenti pedinati per oltre tre anni nella vita quotidiana a Pistoia, sono i protagonisti non di una trama o di una storia, ma di un passaggio d’età reso per immagini e suoni. Il regista: "Il film nasce dall’unione di due progetti paralleli il mio e quello di Nicola Ruganti e Lorenzo Maffucci, è il tentativo di raccontare l’adolescenza e la musica come romanzo di formazione" 
 
 
ATTORI

Pierfrancesco Favino: "Il mio Ambrosoli, timido e determinato"

Sono passati 35 anni dall'omicidio di Giorgio Ambrosoli e finalmente la Rai gli dedica un ritratto: Qualunque cosa succeda, la fiction diretta da Alberto Negrin che andrà in onda su Rai Uno l'1 e il 2 dicembre, è tratta dal libro omonimo scritto dal figlio minore Umberto Ambrosoli, che all'epoca aveva 8 anni. Il film per la tv, con Pierfrancesco Favino e Anita Caprioli, ricostruisce  il “lavoro secondo giustizia” intrapreso da Giorgio Ambrosoli per liquidare la Banca Privata Italiana e smascherare l'ingente truffa attuata da Sindona. Abbiamo intervistato il protagonista
 
 
FESTIVAL

Paolo Genovese: da New York alla Luna

Il regista italiano, ospite del N.I.C.E. New Italian Cinema Events nella doppia veste di sceneggiatore di Ti ricordi di me? (in concorso al Festival riservato a opere prime e seconde) e di regista di Tutta colpa di Freud, confessa il proprio amore per la Grande Mela. Ma tra la prima statunitense del suo ultimo film e l'annuncio del nuovo Sei mai stata sulla luna? c'è spazio anche per raccontare della possibilità di lavorare Oltreoceano e della ricerca di un'isola dove girare il prossimo progetto

 
 
NOMINE

Gosetti: una Casa del cinema aperta, trasparente, libera e ordinata

Il neo direttore dichiara: "Per me la Casa è di chi fa il cinema e deve vivere per chi ama il cinema, per chi vi cerca nuovi linguaggi, stimolanti confronti, convivialità e intelligenza culturale"
 
 
LOCARNO 2014

Bonifacio Angius: la mia Sardegna non da cartolina

"Volevo che in Perfidia ci fosse la Sardegna che conosco, che non è soltanto quella colorata, piena di sole e di mare, ma quella grigia, claustrofobica che si respira in certe periferie", così il regista sul suo esordio passato in Concorso al Festival di Locarno e in uscita in sala il 27 novembre con Movie Factory e Il Monello film. La storia, ambientata a Sassari, racconta di un padre e un figlio che, dopo la morte della loro moglie e madre, convivono scoprendo di essere due completi estranei. "Il tempo che stiamo vivendo è fatto di  di una cattiveria che s'innesta silente nella società, nella famiglia, fra le persone, che non comunicano più e sono spesso paralizzate dalla solitudine", spiega l'autore 
 
 
TFF 2014

Virzì: "Il viaggio di Marco Cavallo ha ispirato anche me"

Il documentario di Erika Rossi e Giuseppe Tedeschi racconta il viaggio attraverso l'Italia dei manicomi giudiziari del cavallo blu di cartapesta, simbolo della rivoluzione di Basaglia, e oggi della richiesta di chiudere gli OPG per varare progetti di cura e recupero dei malati. E per il guest director del Torino Film Festival: "La natura umana è fragile e la differenza tra sano e insano è labile, ognuno di noi potrebbe sperimentare una vicenda di questo tipo. Ne parlerò nel mio prossimo film sul set in primavera" 
 
 
TFF 2014

Mirafiori: terza età e lotta di classe

Mirafiori Luna Park, esordio di Stefano Di Polito è una commedia naif a lieto fine nella Torino post-industriale delle fabbriche abbandonate. Alessandro Haber, Antonio Catania Giorgio Colangeli sono tre pensionati Fiat che occupano la loro ex fabbrica per farne un parco giochi per i bambini del quartiere. “Questo film è un omaggio ai nostri padri, perché sia io che il regista siamo infatti figli di quegli operai degli anni ’70 e ’80 che hanno lottato alla Fiat per i diritti dei lavoratori e per costruire benessere per i loro figli" dice il regista Mimmo Calopresti, questa volta nei panni di produttore del film
 
 

CREDITS

 
 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

La tua E-mail

Mario Monicelli a New York

Grazie a una selezione di classici diretti da Mario Monicelli il Film Forum di New York celebra, dal 28 novembre all'11 dicembre, con alcuni mesi d’anticipo, il centenario dell'amato regista

Week-end nordico tra pinguini e vichinghi

Difficile contrastare lo stradominio in sala di Hunger Games. Ci provano lo spin-off animato I pinguini di Madagascar e l’avventuroso e nordico I Vichinghi.
 
 
CERCA NEL DATABASE
Seleziona un'area di ricerca:



   Ricerca