PRIMO PIANO
  • Rosi da Los Angeles: "Un percorso indimenticabile"

    Il regista si stringe alla sua truppa, quella di Fuocoammare, che fino alla fine ha sperato in una statuetta, ma che ora che il sogno svanisce, si accorge di aver fatto un percorso indimenticabile. “Arrivare alla Notte degli Oscar dice Gianfranco Rosi - è stato un bellissimo sogno; quello che conta è il percorso fatto, è aver mostrato al mondo l’accoglienza e la dignità di cui siamo capaci come italiani. Deve essere una festa tutto questo”
  • Trionfa La La Land, non ce la fa Rosi, Make up a coppia italiana

    Sono sei le statuette, su 14 nomination, che il musical La La Land di Damien Chazelle, con Emma Stone e Ryan Gosling, porta a casa: Miglior regia, Miglior attrice protagonista, Miglior canzone, Miglior colonna sonora, Miglior fotografia, Miglior scenografia. Fuocoammare di Gianfranco Rosi resta senza Oscar, vinto nella categoria Miglior Documentario da O.J.: Made in America di Ezra Edelman e e Caroline WaterlowPremiati invece per il Make Up di Suicide Squad gli italiani Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini insieme a  Christopher Nelson

 
 
OSCAR

Cicutto: nomination comunque importante, merito di un progetto comune

"La nomination di Fuocoammare è merito del film e quindi del suo regista. Ma da soli non si arriva sempre in fondo - commenta il presidente e AD Roberto CicuttoE in questo caso, più che in altre occasioni, il cinema italiano, a partire dall’attenzione del MiBACT, ha saputo allearsi in un progetto comune cui si sono impegnati - oltre ovviamente alla produttrice Donatella Palermo per Stemal Entertainment, ai coproduttori Istituto Luce-Cinecittà e Rai Cinema - il Ministero dello Sviluppo Economico con l’ICE, SIAE e Consulcesi Onlus, oltre al contributo alla Oscars Week dato dal Consolato Generale e dall'Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles"

 
 
OSCAR

Un Oscar ai make-up artist italiani di 'Suicide Squad'

L'Italia guadagna una statuetta agli Oscar. A parlare è Alessandro Bertolazzi, make-up artist del cinecomic Suicide Squad, che divide la vittoria con il collega Giorgio Gregorini. Al telefono con l'ANSA Bertolazzi scherza: "Ero agitato prima e sono ancora più agitato adesso, anzi sono mescolato, sono tante sensazioni insieme. Dedico questo Oscar a tutti immigrati, i sogni non hanno frontiere, noi facciamo film, facciamo sogni che non hanno limiti, nei set cinematografici ci sono persone che lavorano e queste persone provengono da tutto il mondo"
 
 
USCITE

Cerlino e Riondino falchi alla Johnnie To

Toni D’Angelo per il suo terzo film di finzione, Falchi, si sperimenta con il genere poliziesco ambientato in una Napoli notturna e poco riconoscibile, soprattutto metropolitana. Il film, nelle sale il 2 marzo distribuito da Koch Media, racconta la storia di due poliziotti della squadra mobile di Napoli, interpretati da Fortunato Cerlino e Michele Riondino. "Mi sono lasciato ispirare dal filone cinematografico Hong Kong degli anni ’90 “con i suoi melò, polizieschi e noir raccontati da grandi registi”, spiega il cineasta
 
 
PREMI

'Elle' trionfa ai César

E' il film Elle dell'olandese Paul Verhoeven il trionfatore della 42esima edizione dei Premi César, gli oscar francesi del cinema che si sono tenuti al Théâtre du Châtelet di Parigi. La pellicola ha visto trionfare anche Isabelle Huppert come miglior attrice mentre il Miglior regista è Xavier Dolan per E' solo la fine del mondo. Film che ha visto premiare anche Gaspard Ulliel proprio per il suo ruolo da protagonista
 
 
OSCAR

Franceschini: orgoglio italiano per i vincitori e per Rosi

In una nota, il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini ha rilasciato una dichiarazione sui risultati degli Oscar. “Stanotte a Los Angeles – ha detto - con Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini ha vinto il cinema italiano, il lavoro e la professione di chi rende possibile la magia della settima arte. L’Italia è orgogliosa di questo Oscar così come della nomination del documentario Fuocoammare di Gianfranco Rosi che, con intelligenza e sensibilità, ha portato al centro della scena il tema globale della migrazione”

 

 
 
EVENTI

A Cartoomics Dario Argento e Bruno Bozzetto

Cartoomics, rassegna dedicata al fumetto, ai movies e ai games, torna dal 3 al 5 marzo alla Fiera Milano a Rho. Per il cinema è annunciato Dario Argento, che ritirerà il Cartoomics Directors Award 2017 assegnatogli per la straordinaria influenza che il suo lavoro ha esercitato sui disegnatori del fumetto horror italiano. Poi Robert Picardo, attore che ha interpretato il ruolo del Dottore nella serie Star Trek: Voyager è l'ospite della Fantascienza, mentre per l'animazione ci sarà Bruno Bozzetto, maestro del cartoon italiano con il documentario Bozzetto non troppo presentato al Festival del Cinema di Venezia. 
 
 
DISTRIBUZIONE

Beppe Grillo mai visto in Tutti a casa

Tutti a casa di Lise Birk Pedersen è uno sguardo unico ed inedito del Movimento 5 stelle raccontato da una regista danese che ha avuto accesso esclusivo a riunioni e incontri con il leader. Il documentario sarà presentato in prima italiana al festival Le Voci dell’Inchiesta di Pordenone dal 5 al 9 aprile e successivamente uscirà nei cinema con Wanted che ha appena presentato il suo nuovo listino 
 
 
OSCAR

Le scuse degli organizzatori per la gaffe sul miglior film

Price Water House Coopers, la società che organizza la cerimonia degli Oscar, ha diffuso un comunicato di scuse: "Stiamo indagando sull'incidente per capire come sia potuto accadere"
 
 
FESTIVAL

Retrospettiva Jean-Claude Carrière a Bergamo

Il Bergamo Film Meeting (11-19 marzo) rende omaggio allo sceneggiatore francese Jean-Claude Carrière con 18 film sceneggiati o diretti dall’autore. Tra questi le sue tre regie: Rupture (1961) e Heureux anniversaire (1962) co-diretti con Pierre Étaix e La pince à angle (1968), sceneggiato con Miloš Forman
 
 
FESTIVAL

Premio Lo Spiraglio a Paolo Virzì

Il riconoscimento sarà consegnato nell'ambito della sesta edizione del festival della salute mentale che si svolgerà a Roma dal 31 marzo al 2 aprile presso il MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo
 
 
DOCUMENTARI

Ritratti doc alla Casa del Cinema

Tra il 1° marzo e il 12 aprile si vedranno cinque documentari italiani del 2016 segnalatisi nell’ambito di festival rilevanti e capaci di raccontare sia emblematici percorsi professionali e civili (come quello del ribelle Lou Castel, della giornalista di moda Franca Sozzani, del memorabile Piergiorgio Welby) sia storie di vite altrettanto esemplari quanto diverse (da quella di un killer di mafia, ergastolano dal 1982 poi redento, a quella di Enrico, un ragazzo che a distanza di tantissimi anni dall’abbandono del padre decide, da regista, di mettersi sulle sue tracce)   
 
 
ANIMAZIONE

Uccelli criminali per Nicola Guaglianone

Dall’incontro con una scuola visionaria come BigRock, e la mente creativa di Nicola Guaglianone, è nato un nuovo esperimento: un cortometraggio di animazione con un’atmosfera da banda della Magliana
 
 
DOCUMENTARI

Come si sarebbe potuto evitare l'11 settembre

Esce il 2 marzo A Good American, docu-thriller co-prodotto da Oliver Stone con le rivelazioni di un genio matematico ideatore di un programma di sorveglianza che avrebbe potuto evitare l'11 settembre e i successivi attentati. "Il comportamento umano è estremamente schematizzato e prevedibile - dice Binney nel film - Bisogna solo individuare i modelli e interpretarli correttamente". Insomma, tutto si può calcolare e prevedere, anche un attacco terroristico


 
 

Sorpresa Zhāng Yìmóu, Trainspotting terzo

E’ a sorpresa il fantasy con mostri che assaltano la muraglia cinese e guerrieri pronti a difenderla, il campione degli incassi italiani del week-end

Casazza vince Il Mese del documentario

Un altro me di Claudio Casazza vince la IV edizione del festival diffuso promosso da Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani. Sono stati gli spettatori di Bologna, Firenze, Milano, Roma, Senigallia e Torino a sceglierlo come miglior documentario. Il film ha battuto opere come Weiner degli americani Elyse Steinberg e Josh Kriegman, documentario vincitore al Sundance 2016, e Les Sauteurs, premiato al 66° Festival di Berlino. 
 
 
CERCA NEL DATABASE
Seleziona un'area di ricerca:

   Ricerca
 
 
La tua E-mail







Android app on Google Play

CREDITS