/ INTERVISTE

Gregorio Franchetti: "L'emozione di essere alla Berlinale"

Anteprima internazionale a Generation Kplus, per il corto d’esordio Cena d’aragoste (Lobster Dinner), coproduzione tra USA e Italia, ambientata a Roma, che racconta dei piccoli malintesi e dei tradimenti di due amici dodicenni, provenienti da classi sociali differenti 

Laura Bispuri: "Divisa tra due madri, alla ricerca di un'identità"

Dopo Vergine giurata, la regista torna in concorso a Berlino con Figlia mia, che conferma la forza del suo sguardo e l'attenzione alla complessità dell'universo femminile. Con Valeria Golino, Alba Rohrwacher e la rivelazione Sara Casu. In sala dal 22 febbraio con 01 

Helen Mirren: "Non credo nei fantasmi ma nella forza delle donne"

Non è un horror ma una ghost story, una storia che affonda le radici in un modello classico. Così Dame Helen Mirren vede La vedova Winchester, il film dei fratelli Michael e Peter Spierig in sala dal 22 febbraio con Eagle Pictures. E sul movimento #MeToo: "E' come l'eruzione di un vulcano, ora la lava è irrefrenabile"

Matilda De Angelis: ora vorrei lavorare con Cupellini e Virzì

È la giovane protagonista di Veloce come il vento la Shooting Star chiamata quest’anno a rappresentare l’Italia al Festival di Berlino. La vedremo presto nell’esordio al lungometraggio di finzione di Bernardo Carboni, Youtopia, e nel nuovo film di Marco Ponti Una vita spericolata. Ma tra i sogni ancora nel cassetto c'è quello di lavorare con Claudio Cupellini e Paolo Virzì

Stanley Tucci: Giacometti artista senza tempo

Esce in sala l’8 febbraio con BIM, dopo il passaggio alla Berlinale, The Final Portrait – L’arte di essere amici, film indipendente di Stanley Tucci sul pittore e scultore italo-svizzero Alberto Giacometti, interpretato da Geoffrey Rush. “Le opere di Giacometti sono senza tempo – dice il regista – possono essere state realizzate oggi oppure in epoca preistorica”

Kornél Mundruczó: "Con la fantascienza dall'Ungheria a Hollywood"

La scorsa primavera è stato a Cannes in concorso con il suo terzo film Jupiter’s Moon. Prossimamente sarà impegnato a Hollywood sul set di Deeper, una grossa produzione MGM in cui dirigerà Gal Gadot e Bradley Cooper, ma nei suoi progetti futuri c’è anche l’adattamento per il grande schermo del romanzo di fantascienza Ghiaccio di Vladimir Sorokin. A colloquio con Kornél Mundruczó, regista ungherese di cinema e teatro, ospite del Trieste Film Festival

Luca Guadagnino: "Elio come Antoine Doinel"

Incontro con il regista di Chiamami col tuo nome all'indomani delle quattro candidature all'Oscar. Che rivela: "Potrei continuare a raccontare la crescita del mio personaggio, come ha fatto Truffaut con Antoine Doinel"

Serge Toubiana: "Il rituale della sala non potrà morire"

Cresciuto alla mitica scuola dei 'Cahiers du Cinéma', dove si affacciò timido e poco più che ventenne all’inizio degli anni '70, diventandone direttore dieci anni dopo, Serge Toubiana dallo scorso luglio è il presidente di Unifrance, l’organismo che si occupa della promozione del cinema francese all’estero. L'abbiamo incontrato ai Rendez-Vous di Parigi

Rade Šerbedžija: "Dopo il '68, la grande delusione"

Trieste Film Festival, alla sua 29esima edizione, rende omaggio all'attore di Prima della pioggia con l’Eastern Star Award 2018, riconoscimento attribuito a una personalità del mondo del cinema che con il suo lavoro ha contribuito a gettare un ponte tra l'Europa dell'Est e dell'Ovest

Ad