/ NEWS

VENEZIA - E’ andato al Maestro Andrei Konchalovsky (per il film Paradise) il Premio Soundtrack Stars Award 2016 per la migliore colonna sonora tra i film presentati in concorso alla 73.ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. Un premio speciale è stato assegnato alla colonna sonora del film di Giuseppe Piccioni Questi Giorni

Lo ha deciso la Giuria presieduta da Gianni Canova  che, valutata la qualità complessiva della selezione di quest’anno dal punto di vista dell’attenzione alle sonorità del cinema, ha voluto sottolineare - oltre le scelte finali - l’originalità della sperimentazione sulla quale si fonda l’operazione ambiziosa  di Martina Parenti e Massimo D’Anolfi in Spira mirabilis. Il Premio a Konchalovsky è stato assegnato, come si legge nella motivazione ,“per la scelta rigorosa di una sonorità intrinseca alla stessa struttura narrativa del film”. 

Al film di Piccioni – con le musiche di Valerio C. Faggioni - un riconoscimento speciale “per la perfetta sintonia delle scelte vocali con l’emotività e la sensibilità che il regista sottolinea nell’interpretazione delle giovani protagoniste del film”.

Si è conclusa così al Lido  la quinta edizione del Premio che si era aperta, all’insediamento della Giuria, con la consegna del Premio della critica che Soundtrack Stars Award 2016 riserva ogni anno a un autore particolarmente significativo a Gabriele Muccino segnalando così il suo rapporto speciale con la musica. “Quello tra musica e cinema è ’un link che ha promosso in tutti i suoi film una costante ricerca di nuove sonorità” si legge nella motivazione “sempre in stretta collaborazione con autori particolarmente sensibili all’importanza della musica per il cinema: Paolo Buonvino, Andrea Guerra, poi Lorenzo Jovanotti con cui è evidente, in L’estate addosso, che ha debuttato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, una particolare sintonia, dalla scelta delle collaborazioni artistiche all’effetto sul pubblico, anche attraverso un solo brano già diventato, come spesso accade nel suo cinema, un leitmotiv di successo”. 

Con il Presidente Canova, direttore della rivista di Istituto Luce Cinecittà '8½', nella Giuria 2016 del Premio, con Laura Delli Colli a nome del SNGCI, sono stati quest’anno Cristiana Paternò ('8½' e 'Cinecittà News'), Marina Sanna ('Rivista del Cinematografo/Ente dello Spettacolo') e la ‘squadra’ autorevolissima di ‘Hollywood Party’ (RadioTre) con Steve Della Casa, Enrico Magrelli, Alessandro Boschi, Alberto Crespi, Miriam Mauti.    

Promosso cinque anni fa come Premio collaterale dedicato alla musica per il cinema è nato da un’idea dell’Agenzia Free Event, molto attiva nel mondo della musica,  condiviso dal 2013 da Luce Cinecittà, capofila del sostegno istituzionale di MiBACT- DG Cinema, SIAE, SNGCI e segnala alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia la migliore colonna sonora tra i film della selezione ufficiale. I giurati assegnano tra i film del concorso anche un’eventuale menzione speciale.

VEDI ANCHE

VENEZIA 73

Ad