/ NEWS

TORINO - "Chiude oggi un'edizione del Tff di grande qualità e successo di pubblico, con un aumento di copertura dei media anche internazionali che testimonia come il festival, ancora oggi particolare e coerente con le sue origini, sia amato e seguito da chi si occupa di cinema nel mondo". Lo ha detto il direttore del Museo del Cinema di Torino, Alberto Barbera alla conferenza stampa di chiusura del festival. Ringraziando anche la Rai, "molto vicina e collaborativa, forse ancora di più delle precedenti edizioni, che ha realizzato un bellissimo video promozionale dedicato a David Bowie e una straordinaria puntata oggi del Ruggito del Coniglio per 700 fortunati tra gli 8.000 che avevano chiesto di partecipare". Barbera, fondatore 34 anni fa dell'allora Festival Cinema Giovani, insieme a Gianni Rondolino e Steve Della Casa, è direttore del Museo del Cinema, sotto il cui cappello si svolge il Tff, fino al 31 dicembre. Poi il Museo dovrà rinnovare la sua direzione, che molto probabilmente verrà divisa tra la parte gestionale e artistica. Barbera, direttore della Mostra del Cinema di Venezia fino al 2020, non ha partecipato al bando emesso per trovare il direttore amministrativo gestionale, ma si è detto interessato all'eventuale direzione artistica "sempre decidano di suddividerla in tal senso, come avviene per la maggior parte dei grandi enti e musei, si pensi solo al Teatro Regio di Torino, al Teatro Stabile. Comunque per il momento non mi è stato chiesto nulla". 

VEDI ANCHE

TFF 2016

Ad