/ NEWS

Uscirà il prossimo 12 ottobre in sala Dove non ho mai abitato di Paolo Franchi, con Emmanuelle Devos, Fabrizio Gifuni, Giulio Brogi, Hippolyte Girardot, Isabella Briganti e Giulia Michelini. Prodotto da Pepito Produzioni con Rai Cinema, scritto da Paolo Franchi, Rinaldo Rocco e Daniela Ceselli il film è il quarto lungometraggio del regista che torna alle atmosfere de La spettatrice ed arriva al cinema distribuito da Lucky Red.

Francesca (Emmanuelle Devos), cinquant'anni, è l'unica figlia di Manfredi (Giulio Brogi), un famoso architetto che da quando è vedovo abita a Torino e che lei va a trovare solo in rare occasioni. Francesca da molti anni vive a Parigi con la figlia ormai adolescente e con il marito Benoît (Hippolyte Girardot), un finanziere sulla sessantina dal carattere introverso ma molto protettivo e paterno con lei. Dopo essere stato vittima di un infortunio domestico, Manfredi, per avere per un po' di tempo la figlia al suo fianco a Torino, le chiederà di fare le sue veci nel progetto di una villa su un lago per una giovane coppia di innamorati. Francesca si ritroverà così a collaborare con il 'delfino' del padre, Massimo (Fabrizio Gifuni), un uomo sulla cinquantina che ha basato tutta la sua vita sulla sua carriera di architetto, tanto che il legame con la sua compagna, Sandra (Isabella Briganti), prevede che entrambi mantengano i propri spazi di autonomia e indipendenza. Dopo un primo approccio difficile, tra Massimo e Francesca piano piano nasce una grande sintonia professionale e un sentimento che li porterà, forse per la prima volta, a confrontarsi veramente con se stessi e i loro più autentici destini.

"Costruire le “case per gli altri”. Immaginare e realizzare uno spazio ideale dove vivere, amare… E talvolta chi realizza questo per gli altri, si ritrova incapace di farlo per se stesso. È il caso del cinquantenne Massimo - scrive Franchi nelle note di regia - talentuoso architetto, che nella vita ha schivato l’amore vero e si accontenta di una relazione complice ma distante con una donna che certo non ha fondato radici nella sua vita. Ed è il caso di Francesca, la figlia del grande architetto Manfredi, che si è costruita una famiglia all’estero con un uomo più maturo di lei. Un uomo quasi anziano,sostitutivo del padre, che la protegge e la ripara da tutto, anche da se stessa e da quelle potenzialità più radicali che l’avrebbero messa troppo in gioco: il suo talento di architetto e la passione, in tutte le sue sfaccettature… Forse ciò che accomuna Massimo e Francesca è proprio questa paura, questa impotenza ad affrontare la vita e tutti i suoi aspetti sentimentali… Forse sono proprio queste affinità che li portano ad avvicinarsi l’un l’altra, a comprendersi,capirsi e piano piano innamorarsi… Forse, prima del loro incontro (inconsciamente pilotato dal grande architetto Manfredi, padre naturale di Francesca, padre ideale di Massimo, deus ex machina della fabula in un certo senso), Massimo e Francesca non si erano posti questo problema, vivevano la loro vita senza evidenti frustrazioni esistenziali, convinti che le loro scelte fossero state le migliori possibili... Ma nel corso della storia le strade sembrano cambiare direzione. I due architetti, restaurando la villa per una giovane coppia di innamorati, si ritrovano faccia a faccia con se stessi. Costruendo una casa per gli altri, proprio questa casa demolisce le loro certezze affettive. E allora affiorano i dubbi, i rimpianti, le domande".

VEDI ANCHE

USCITE

Ad