/ NEWS

L’appuntamento con le prossime edizioni degli Incontri del Cinema d’Essai resta a Mantova fino al 2020, come è stato ufficializzato dal sindaco della città Mattia Palazzi. L'edizione 2017, la XVII, ha visto oltre 600 accreditati, 28 anteprime, tanti ospiti  e molti appuntamenti aperti al pubblico della città. “Siamo molti soddisfatti  - commenta Domenico Dinoia, presidente della Fice – di questa edizione. Il numero degli accreditati, infatti, ha raggiunto un cifra inedita. Testimonianza di quanto gli Incontri nel corso degli anni abbiano saputo catturare l’attenzione da parte degli operatori, tanto da essere ormai un appuntamento imprescindibile per i professionisti del settore”. Inoltre, anche quest’anno, altissimo il livello degli artisti ospitati. “Nella cornice del Teatro Bibiena – sottolinea Dinoia – sono stati consegnati mercoledì i Premi Fice ad autori e interpreti, solo per citarne alcuni, come Gianni Amelio, Carlo Verdone, Claudio Bisio, Isabella Ragonese”. Come ogni anno, poi, gli Incontri sono stati l’occasione per un momento di riflessione sullo stato di salute del cinema. Il convegno "Identikit della sala d’essai" ha visto infatti confrontarsi sui temi della sala d’essai, della difficile situazione del mercato ed in particolare dei film italiani, e sugli effetti della nuova legge cinema, esponenti delle istituzioni (Bruno Zambardino, consulente scientifico della DG Cinema del MiBACT), autori (Giorgio Diritti), distributori (Antonio Medici della Bim, Andrea Romeo della I Wonder Pictures, Andrea Occhipinti, presidente dei distributori Anica), oltre a Stefania Ippoliti, presidente della Fondazione cinema Toscana, e ai presidenti di Anec e di Agis, Luigi Cuciniello e Carlo Fontana. 

VEDI ANCHE

INCONTRI D'ESSAI 2017

Ad