/ NEWS

La proposta sul programma regionale in materia di cinema e audiovisivi del triennio 2018-2020 ha avuto il via libera della commissione Cultura in Regione Emilia-Romagna, con il voto favorevole di Partito democratico, Sinistra italiana, Gruppo misto-Mdp e l'astensione di Movimento 5 stelle, Lega nord, Forza Italia e Fratelli d'Italia.
Il programma prevede interventi mirati a realizzare la promozione del territorio come set per le riprese cinematografiche e audiovisive.
I contributi concessi nel triennio passato sono stati circa 4 milioni 268 mila euro e il contributo medio per ogni manifestazione di carattere regionale è stato pari a 15.600 euro. Quello per i festival di rilievo nazionale è stato di 206.600 euro circa per ogni anno e Il 18% dei beneficiari è costituito da imprese private, il 26 da enti locali e il restante 56% da associazioni culturali.
Sono emerse, nel piano, anche diverse criticità che riguardano in particolare la ripartizione matematica delle risorse in base ai generi artistici (web, doc ecc.), che è stato un limite, come evidenziato dai tecnici, perché "la percezione è stata quella di aver finanziato progetti più deboli solamente perché le risorse finanziarie destinate a quel genere garantivano il contributo ai pochi progetti in graduatoria mentre altri progetti appartenenti ad altri generi, pur avendo qualità superiori, non avevano la possibilità di veder riconosciuto il contributo a causa dell'elevato numero di proposte e delle limitate risorse dedicate".  
Un aspetto che verrà rivesto nel piano triennale 2018-2020.
Per quanto riguarda la relazione della clausola valutativa delle norme in materia di cinema e audiovisivo, non ne è stato discusso in commissione, ma se ne riparlerà tra qualche seduta, con una possibile audizione della giunta.

VEDI ANCHE

FINANZIAMENTI

Ad