/ NEWS

Arriva il 1° marzo nelle sale italiane Un figlio a tutti i costi, l’opera prima dell’attore teatrale Fabio Gravina, prodotta da 35mm. Il film, girato tra Lariano e Roma, trae spunto da una commedia teatrale rappresentata nel 2012 dallo stesso Gravina nel suo Teatro Prati, che ha registrato più di 5000 spettatori in due mesi di repliche. Il successo della pièce ha convinto il capo-comico a crearne un adattamento per il cinema, da lui diretto e che lo vede attore protagonista.

Un figlio a tutti i costi è una commedia d’autore che affronta con ironia il tema della difficoltà di due coniugi ultraquarantenni ad avere figli a fronte del loro forte desiderio di diventare genitori. Un dramma generazionale, frutto dei ritmi e delle convenzioni sociali attuali, che Gravina ha deciso di raccontare con comicità, “senza cedere mai alla volgarità”, come scrive in una nota di regia. La situazione in cui si trovano Orazio (Fabio Gravina) e Anna (Roberta Garzia) è, infatti, molto attuale: dopo aver trovato l’anima gemella e un lavoro stabile, i due decidono di avere finalmente un figlio, quando ormai si trovano in un’età che mette a rischio la possibilità di diventare genitori. Per coronare questo sogno, i protagonisti  imboccano strade diverse, a volte anche poco ortodosse, sino a ricorrere a metodi “alternativi” collegati a credenze popolari e superstizioni.

Moglie e marito si imbattono in personaggi molto particolari, dal commissario implacabile (Ivano Marescotti) alla stalker (Paola Riolo), paziente dell’amico psicanalista (Stefano Masciarelli), a un medico “terapeuta” (Maurizio Mattioli) e un “inseminatore professionista” (Beppe Convertini). Quando finalmente Anna decide di rivolgersi a un sedicente professionista del settore, nonostante il secco rifiuto di Orazio, il destino riserva ad entrambi la sorpresa per un gustoso finale.

Accanto a Fabio Gravina e Roberta Garzia, Ivano Marescotti, Paola Riolo, Gianni Ciardo, Angelo Di Gennaro, Beppe Convertini, Emanuela Tittocchia e Gino Cogliandro ‘Nduccio, con la partecipazione di Stefano Masciarelli e di Maurizio Mattioli, sotto le note di Gigi D’Alessio, che ha composto la colonna sonora.

 

VEDI ANCHE

USCITE

Ad