/ NEWS

L'astrofisico di fama mondiale Stephen Hawking è morto all'età di 76 anni nella sua abitazione a Cambridge. "Siamo profondamente addolorati nell'annunciare che nostro padre è morto - affermano Lucy, Robert e Tim, i figli di Hawking - E' stato un grande scienziato e un uomo straordinario il cui lavoro continuerà a vivere per anni. Il suo coraggio e la sua perseveranza, insieme al suo brillante humour, hanno ispirato molti nel mondo". Hawking soffriva di sclerosi laterale amiotrofica che lo ha costretto sulla sedia a rotelle per la maggior parte della sua vita da adulto: la malattia gli era stata infatti diagnosticata all'età di 21 anni. Professore dell'Università di Cambridge, ha ridefinito la cosmologia proponendo l'idea che i buchi neri emettono radiazioni e poi evaporano. Questo processo aiuta a spiegare la nozione che i buchi neri sono esistiti a livello micro fin dal Big Bang e che più piccoli sono più velocemente evaporano. Il suo libro 'Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo', pubblicato nel 1988, gli ha assicurato fama mondiale, con 10 milioni di copie vendute in 40 diverse lingue.

Dalla sua biografia è stato anche tratto un film, La teoria del tutto del 2014 diretto da James Marsh e interpretato da Eddie Redmayne, che per questo ruolo ha vinto l'Oscar come miglior protagonista. La pellicola è l'adattamento della biografia "Verso l'infinito (Travelling to Infinity: My Life With Stephen)", scritta da Jane Wilde Hawking, ex-moglie del fisico, pubblicata in Italia da Edizioni Piemme. Nel 2004 era stato realizzato anche un film per la televisione Hawking, dove lo scienziato era interpretato da Benedict Cumberbatch.

VEDI ANCHE

LUTTI

Ad