/ NEWS

Sergio (Tomás Cao) è un professore marxista cubano e appassionato radioamatore. Sergei (Héctor Noas) è l’ultimo cosmonauta sovietico a bordo della stazione spaziale MIR. Per uno scambio di frequenze radiofoniche le loro esistenze si incrociano, sullo sfondo delle vicende storiche e politiche di fine anni ‘80 e i primi anni ‘90 nel film intitolato Sergio e Sergei - Il professore e il cosmonauta del regista cubano Ernesto Daranas. Il racconto surreale di un’inaspettata amicizia a distanza sarà distribuito a partire dal 24 maggio da Officine UBU.

È il 1991, l’URSS è crollata e la Guerra Fredda è finita. Solo un uomo deve ancora scoprirlo: dall’interno della stazione spaziale MIR, Sergei, l’ultimo cosmonauta sovietico, può vedere l’intero pianeta ma non sa che la sua nazione non esiste più. L’agenzia spaziale non ha i fondi per riportarlo a casa ed è quindi costretto a prolungare in modo indefinito la sua permanenza in orbita, lontano dal suo paese e isolato dal resto del mondo. Nel frattempo, in una Cuba prossima al collasso, anche per Sergio, professore di filosofia marxista e radioamatore, il sogno comunista sembra essere finito. Per sopravvivere alla crisi, in una Avana impoverita, produce clandestinamente sigari e rum con la complicità dell’anziana madre. Un giorno, uno scambio di frequenze radiofoniche mette casualmente in contatto Sergio e Sergei. I due diventano subito amici, e quando un meteorite colpisce e danneggia la stazione MIR, Sergei chiede a Sergio di aiutarlo a tornare sulla Terra. Con l’aiuto di un amico statunitense che ha delle conoscenze alla NASA, Sergio organizza un piano, anche con l’aiuto di uno “sgradito” sponsor americano, per salvare Sergei dalle profondità dello spazio. Ma Sergio non sa di essere sotto sorveglianza e che il governo cubano segue ogni passo del suo piano...        

VEDI ANCHE

USCITE

Ad