/ NEWS

Tom Wolfe, giornalista e scrittore autore di libri famosissimi come "The Right Stuff" e "Falò delle Vanità" è morto a 87 anni in un ospedale di Manhattan. Wolfe era stato ricoverato per una infezione, secondo quanto dichiarato dal suo agente Lynn Nesbit. Nato a Richmond, in Virginia, viveva a New York dal 1962, quando era entrato come reporter al New York Herald Tribune dopo un breve passaggio al Washington Post.

L'ultimo suo libro è del 2012: "Back to Blood" aveva segnato la rottura con l'editore Farrar Straus and Giraux che lo pubblicava da ben 42 anni. Era una storia di immigrazione di personaggi cubani, francesi e russi e haitiani che si incontrano a Miami e aveva fatto seguito al flop di "I Am Charlotte Simmons" del 2004: la storia di un'ingenua ragazza che, approdata al college, inizia una vita libertina fatta di party esagerati e incontri sessuali occasionali era stata un delusione tra il pubblico.

"The Right Stuff" del 1979 sulla prima squadra di astronauti della Nasa, fu adattato al cinema con Sam Shepard, Dennis Quaid ed Ed Harris che fece del pilota collaudatore Chuck Yeager un eroe culturale, oltre ad introdurre un altro idioma nella lingua inglese.

"Falò delle Vanità", ispirato nel titolo alla Firenze di Savonarola e inizialmente pubblicato a puntate su Rolling Stone divenne libro nel 1987, offrendo, con la storia del trader Sherman McCoy e del reporter in cerca di uno scoop salva-carriera Peter Fallow, una satira graffiante degli eccessi dei ricchi alla Donald Trump nella New York negli anni '80. Anche questo divenne un film, nel 1990, diretto da Brian De Palma e interpretato da Tom Hanks, Bruce Willis, Melanie Griffith e Morgan Freeman.

VEDI ANCHE

LUTTI

Ad