home  /  articoli  /  articoli
Se Fassbender s'innamora del videogame
Cristiana Paternò
Il regista australiano Justin Kurzel ha rimesso insieme i protagonisti di Macbeth - Michael Fassbender e Marion Cotillard – per confezionare Assassin’s Creed, versione cinema di un blockbuster della Ubisoft: 100 milioni di copie vendute in tutto il mondo, anche presso il pubblico femminile, pare infatti che sia tra i videogame il più frequentato dalle donne. Forse anche per questo il bel Fassbender ci ha creduto tanto da scegliere di produrlo. Protagonista di tanto cinema d’autore (da Hunger e Shame a 12 anni schiavo), il divo tedesco-irlandese si è divertito a lanciarsi in inseguimenti, combattimenti e acrobazie spesso ispirate al parkour, battendosi contro decine di avversari affiancato da un'eroina (la giovane attrice greca Ariane Labed). E' evidente che alla soglia dei 40 anni l’avventura lo tenta ancora e infatti lo vedremo presto anche in Alien Covenant di Ridley Scott nel ruolo dell’androide. Di Assassin’s Creed dice nelle interviste, nobilitandone il contesto: “Mi ha aiutato a studiare il processo della memoria. Cosa saremmo senza il passato, i ricordi? Ho fatto una lunga preparazione psicologica e fisica, anche di arti marziali, per il film, che non mi era stato necessario per Magneto di X-Men. Ne sono uscito più forte in tutti i sensi. Ho la tendenza a privilegiare i movimenti del mio cervello più di quelli, diciamo, fisici”. Ma fisicamente ci è sembrato decisamente in gran forma anche se ha usato una controfigura nella scena del cosiddetto Balzo della Fede, in cui tutti gli assassini si esibiscono, un volo in caduta libera da più di 35 metri dall'altezza che non è stato riprodotto in digitale ma girato per davvero nel deserto dell'Almeria, proprio nelle stesse location di molti film di Sergio Leone. 

Il film prende spunto dai 9 videogiochi usciti negli ultimi nove anni, a partire dal 2007, rielaborandone il cuore in una storia originale e mai giocata prima. I videogame di Assassin's Creed collocano infatti dentro scenari storici ricostruiti con grande precisione di dettagli (dalla Firenze dei Borgia, a Costantinopoli fino alla Roma rinascimentale o la Parigi della Rivoluzione Francese) le avventure di una setta nata durante il periodo delle Crociate, gli Assassini appunto, che combattono per difendere il libero arbitrio dalla sete di potere dei Templari. In ogni gioco un erede del protagonista viene inserito in un macchinario (l'Animus) che trasferisce la sua coscienza in quella di un suo antenato adepto della stessa setta attraverso il DNA (che si ritiene possa conservare tutta la memoria della stirpe). In questo caso il protagonista Callum Lynch (Fassbender), un galeotto condannato a morte tramite iniezione letale, viene salvato dalla dottoressa Sofia Rikkin (Cotillard, qui davvero fuori parte) per essere spedito nella Spagna dell'Inquisizione dove dovrà recuperare la Mela dell’Eden, che contiene il segreto per eliminare la violenza e il male dal mondo. La scienziata lavora per le Abstergo Industries, che dietro la facciata ipertecnologica nascondono un’evidente affiliazione all’ordine dei Templari. Il capo dell’organizzazione, e padre di Sonia, è uno spietato Jeremy Irons, controllato e bacchettato a sua volta dalla potentissima Charlotte Rampling.

Questa è la parte contemporanea, francamente di maniera e già vista, poco interessante e ripetitiva, a tratti anche poco comprensibile. Decisamente più avvincenti le avventure di Aguilar, l'antenato di Callum, con interessanti spunti legati alla contrapposizione culturale e religiosa tra gli Assassini, ispirati agli islamici Hashashins di Nizari, un ordine segreto chiamano a difendere il sultano Maometto XII nella Granada assediata. Anche se il contesto storico è appena accennato e un po' contorto, le ambientazioni sono magnifiche: tra l’altro è ricostruito un autodafé, con i roghi degli eretici e convince anche la scelta di lasciare i dialoghi in spagnolo con sottotitoli.

Kurzel ci tiene a sottolineare proprio questo aspetto storico: “Non sapevo molto del gioco ma ero abbastanza stupito dal livello di dettaglio, sforzo e passione che c’è dentro. Non è solo intrattenimento dozzinale: si percepisce una visione sotto. Abbiamo preso le idee e iniziato a svilupparle, proprio come se stessimo adattando un libro”. È dall'operazione è nato davvero anche un libro, edito da Sperling & Kupfer, in puro stile crossmediale. Si tratta di una novelization del film scritta dall’autrice di best seller Christie Golden e disponibile anche in versione e-book.

Costato 125 milioni di dollari, già uscito negli Stati Uniti il 21 dicembre (mentre da noi arriverà in sala il 4 gennaio con la Fox) ne ha incassati appena 22 e mezzo. La cosa non stupisce più di tanto gli esperti perché finora i film tratti da videogame hanno scontentato i nerd e lasciato indifferente il pubblico generalista, tanto che qualcuno parla di una sorta di maledizione. 
 
 
Stampa Scrivi alla redazione

Android app on Google Play

CERCA NEL DATABASE
Seleziona un'area di ricerca:

   Ricerca