/ ARTICOLI

CANNES - Sabina Guzzanti, Andrea Segre, Silvio Soldini e il collettivo Zimmerfrei: il nuovo distributore internazionale I Wonder Pictures Worlds Sales ha annunciato stamattina all'Italian Pavilion del Festival di Cannes i film con cui la società di distribuzione con base a Bologna entra nel mercato delle vendite internazionali. Dopo aver portato nelle sale italiane titoli di autori importanti come Werner Herzog, Patricio Guzmán e Joshua Oppenheimer, la società guidata da Andrea Romeo guarda all'estero, dove esporterà Rome is burning, con cui Sabina Guzzanti esamina l'autodistruzione della politica italiana; Ibi, il nuovo lavoro di Andrea Segre, focalizzato sul biopic del fotografo e filmaker del titolo, Ink River (Il fiume ha sempre ragione), con cui Silvio Soldini porta lo spettatore in un viaggio emozionante tra le parole attraverso l'esperienza dei due artisti-artigiani Alberto Casiraghy e Josef Weiss e A Almost Nothing / CERN: Experimental City di Anna de Manincor e Anna Rispoli (di ZimmerFrei): un affresco del Cern visto anche come straordinario esperimento sociale e umano.

Tra le novità proposte da Biografilm Festival 2017 (in programma a Bologna dal 9 al 19 giugno) poi, la forte apertura internazionale di Bio to B, la vetrina annuale dedicata alla promozione e al supporto di produzioni italiane ed europee: professionisti del mercato da tutta Europa potranno assistere ai pitch di 17 nuovi progetti internazionali. In questa edizione una giuria composta da importanti venditori internazionali decreterà l'assegnazione di tre premi: miglior progetto europeo, miglior progetto italiano e miglior progetto dell'Emilia Romagna.

Ecco la lista completa dei pitch:
- Constructing Albert di Laura Collado, Jim Loomis (Spagna)
- Listen to My Song di Danny Mitchell (UK, Colombia)
- ODYSSEY di Michael Madsen (Danimarca, Finlandia, Francia) -
- Valentin - Figlio d'Europa di Antonio Martino (Italia, Romania, Francia)
- White Cube di Wojtek Pustola (Polonia)
- America international pitch premiere di Giacomo Abbruzzese (Italia)
- Cuban Dancer di Roberto Salinas (Italia, USA)
- Uno sguardo alla terra di Peter Marcias (Italia)
- Sons of Mostar di Dan Daddy (Italia, Bosnia Erzegovina)
- Sqizo di Duccio Fabbri (Italia)
- Tasmania Buyers Club di Nicola Moruzzi (Italia)
- L'ora d'acqua di Claudia Cipriani (Italia)
- Un ritratto di Cesare Maltoni di Alessandro Rossi, Michele Mellara (Italia)
- Disco Ruins diFrancesca Zerbetto (Italia)
- I bambini del Pentcho di Stefano Cattini (Italia, UK)
- L'uomo con la lanterna di Francesca Lixi (Italia)
- A casa del poeta non esiste il pianto di Stefano Croci, Silvia Siberini (Italia, Olanda)

VEDI ANCHE

CANNES 2017

Ad