/ ARTICOLI

Dal 20 dicembre al 7 maggio lo Studio 1 di Cinecittà ospita la mostra fotografica Cinecittà-Fatti e personaggi tra il cinema e la cronaca, ideata e organizzata da Istituto Luce Cinecittà, Ansa, e CinecittàsiMostra, che celebra gli 80 anni della ‘Fabbrica dei sogni’ di via Tuscolana sintetizzando gli ultimi 80 anni di storia d’Italia.
In mostra le fotografie di due dei più importanti depositi di immagini del Paese: gli Archivi fotografici dell’Istituto Luce e di Ansa. La prima istituzione del cinema italiano, fondata nel 1924 e la prima agenzia di stampa italiana si uniscono in un luogo simbolo della produzione di immaginario per comporre, insieme ai contributi di altri archivi giornalistici e fotografici, in più di 150 magnifiche immagini il ‘film’ dal 1937 al 2017: in bianco e nero e a colori il racconto di chi siamo stati e siamo.

Scandita idealmente in 8 decadi, dagli anni Trenta al Duemila, l’esposizione segue i due binari paralleli di attualità e cinema, intrecciandoli suggestivamente. Dalla fondazione degli Studios nel ‘37 sotto il fascismo e i telefoni bianchi alla guerra; dalla nascita della Repubblica e del neorealismo alla ‘Hollywood sul Tevere’ dei divi americani; dalla Dolce vita, dal boom economico alla contestazione e alla commedia all’italiana; dal sogno della rivoluzione, dagli anni di piombo e del cinema civile (e dei poliziotteschi) alla crisi del cinema degli anni ’80; dalla caduta del Muro a Tangentopoli, alla Seconda Repubblica della televisione; dall’avventura europea alle Torri Gemelle e le sfide del mondo (e del cinema) globale.

8 decadi raccontate al visitatore dai volti, dai divi, dalle icone più amate che accompagnano i protagonisti della vita politica, culturale e sociale del Paese. E naturalmente i set, i capolavori, i grandi registi della nostra memoria collettiva. Dai maestri del neorealismo a quelli della commedia all’italiana, dal cinema di impegno civile e politico al western, dai campioni della risata ai trionfi del documentario.
Oltre alla mostra fotografica nel teatro di posa Studio 1 i visitatori trovano anche il disegno della Venusia di Giacinto Burchiellaro per il Casanova di Fellini e due postazioni video, curate dall’Archivio storico Luce, con immagini di film, set, cinegiornali. Sequenze notissime accanto ad altre rare, per raccontare questo incontro di cronaca e sogni.
Ad accompagnare l’evento, infine, viene pubblicato un catalogo, edito da Ansa e Luce-Cinecittà, che riproduce le magnifiche fotografie dell’esposizione, selezionate per la cura di Mauro e Lorenzo Vallinotto e di Luigi Oggianu, con un apparato testuale a cura di Giorgio Gosetti. Un volume agile che si guarda come un film e si legge come un libro di Storia.

“La mostra è nata da un’idea dell’Ansa, prima che la parte industriale di Cinecittà venisse riacquisita al controllo pubblico. Ci è parso fondamentale confermare la nostra partecipazione e contributo - spiega il presidente Roberto Cicutto - Innanzitutto perché dal 2014 Luce Cinecittà ha sviluppato molto le attività espositive. Pensiamo che il patrimonio dell’Archivio storico e di tutto quello che è entrato a far parte di questa società vadano diffusi in tutte le forme possibili. Non a caso abbiamo assunto come spazio permanente il Teatro dei Dioscuri dove valorizziamo archivi acquisiti di recente. E non si poteva non partecipare a un’iniziativa che coinvolge un’istituzione custode della memoria come l’Ansa e l’idea semplice di mettere in parallelo quello che succedeva sia dentro che fuori queste mura si è rivelata vincente”.

Elisabetta Stefanelli (Ansa), che ha curato il coordinamento editoriale, sottolinea come la mostra sia il risultato di un lavoro collettivo che ha coinvolto due pilastri del made in Italy. “Ne è nato un racconto fluido della vita di tutti i giorni, scandito per decenni, ognuno rappresentato da 10 immagini, dove sogno e realtà si intrecciano Dagli anni 30 agli anni Duemila, 8 periodi narrati attraverso grandi volti del cinema e volti comuni”.

"Le  notizie, le fotografie che dal 1945 ad oggi l’Ansa distribuisce in tutto il mondo non sono altro che un lungometraggio che narra giorno per giorno i grandi avvenimenti e le piccole vicende di un Paese che dalla fine della Seconda guerra mondiale sì è trasformato, è cresciuto, ha vissuto momenti tragici e difficili - scrive Luigi Contu, direttore Ansa, nell’introduzione del catalogo - Un racconto che si intreccia inevitabilmente con le storie ed i volti che negli stessi anni sono entrati nella memoria collettiva grazie alla magia della pellicola, dell’opera d’arte, del cinema. Realtà e sogno che in modo parallelo l'Ansa ha raccontato sempre con rigore”.

Giorni e orari di apertura: tutti i giorni tranne il martedì dalle ore 9.30 alle ore 18.30. Chiusura biglietteria ore 16.30.  Informazioni sui biglietti d’ingresso a Cinecittà si Mostra: http://cinecittasimostra.it/orari-e-prezzi/
Giorni di chiusura: 24 -25 dicembre e 1 gennaio.
Aperture straordinarie: martedì 26 dicembre e martedì 2 gennaio 2018.

VEDI ANCHE

MOSTRE

Ad