/ ARTICOLI

ISCHIA - Istrionico, esuberante e sopra le righe come solo lui sa essere, Lillo Petrolo arriva all’Ischia Film Festival nella seconda giornata della kermesse isolana per presentare Nove lune e mezza, il film di Michela Andreozzi, che lo vede protagonista insieme a Claudia Gerini e Giorgio Pasotti, proiettato nella Cattedrale dell’Assunta. Presenza ormai fissa qui a Ischia, Lillo si considera un amico del Festival, esordisce subito dichiarando al pubblico che il suo motto è: “meglio fare tante cose male che una fatta bene!”.

Intanto, è diventato un attore a tutto tondo che i registi amano dirigere, ricordiamo la sua partecipazione a  La grande bellezza, e oltre che con Greg (duo consacrato nel panorama comico italiano da ormai trent’anni), ha all’attivo tantissimi progetti: “lavoriamo molto ai nostri spettacoli teatrali, dirigiamo noi gli attori, scriviamo le sceneggiature - racconta - però devo dire che amo essere diretto, un po’ per pigrizia, è più facile obbedire a quello che mi dicono, ma anche perché mi piace molto il rapporto che si sviluppa fra attore e regista soprattutto dove il regista è una persona e un’artista sensibile, si crea uno scambio costruttivo.”

A questo proposito, dopo aver presentato il film al pubblico, regala in esclusiva la trama del suo primo film da regista che firmerà proprio insieme a Greg: “ci ricattiamo a vicenda da trent’anni, abbiamo documenti compromettenti l'uno sull'altro, è per questo che siamo uniti! La verità è che sia io che lui abbiamo anche progetti separati e quando ci ritroviamo siamo più attivi e contenti che mai, è una cosa che consiglio a tutte le coppie, quella di lasciare un po’ di libertà al compagno, rende tutto più frizzante. Non ho mai diretto un film perché mi spaventa l’amore per il cinema, amandolo e amandone gli autori ho sempre la sensazione di essere un po’ al di sotto delle aspettative, ma l’anno prossimo io e Greg, a quattro mani, ci cimenteremo nella regia di un’opera molto nostra. Sarà una storia surreale, vorremmo chiamarla Intrappolati nella Serie Tv, dove siamo due attori che vanno a fare uno spot in costume e si ritrovano in una fiction dove tutti li riconoscono come Lillo & Greg. Potrei paragonarlo a Ai Confini della Realtà ma decisamente in chiave comica e un po’ claustrofobica. Visto che c’è qualche pazzo che ce lo fa fare, facciamo come piace a noi.”

Non solo cinema, non solo regia e non solo teatro, nel futuro del versatile artista c’è anche un musical: “Più invecchio, più mi rendo conto che è importante fare le cose che ami, cimentarti in lavori nuovi, metterti alla prova, ho deciso quindi di buttarmi in un’impresa, di recitare addirittura un musical! Farò School of Rock a teatro nella parte del grande Jack Black, dove dovrò cantare ben nove canzoni, io canto ma non così bene, questa si è rivelata una bella sfida che mi tiene vivo e mi consente di non adagiarmi. Tanto per combattere la pigrizia.”

Il film sta per iniziare, c’è tempo di un’ultima domanda che poi è quasi sempre la stessa, qual è il sogno di Lillo, al quale risponde goliardicamente che sogna "un mondo in cui un nutrizionista trovi una nuova dieta nella quale mangi carbonara come insalata e invece di ingrassare, dimagrisci".

VEDI ANCHE

ISCHIA FILM FESTIVAL

Ad