/ INTERVISTE

Federico Francioni, viaggio nella generazione post Tienanmen

Insieme a Yan Cheng, Federico Francioni ha realizzato l'unico film italiano del concorso di Pesaro 53, The First Shot. I due registi hanno lavorato in totale autonomia, scrivendo, producendo, girando, registrando il suono e montando questi tre ritratti di giovani nati dopo il 1989, data che gli autori considerano come la fine di tutte le rivoluzioni con la repressione di Piazza Tienanmen

Cattivissimo me, un gemello e gli anni '80

Cattivissimo Me 3 sarà in sala dal 24 agosto con le voci di Max Giusti, Paolo Ruffini e Arisa, che hanno raccontato la loro esperienza di doppiaggio. Alvaro Soler è tra gli autori della colonna sonora

Blu Yoshimi, tra Piuma e il mondo dei "like"

Evento speciale di Pesaro dedicato all'attore. Anzi all'attrice a giudicare dalle presenze. Infatti la giovanissima interprete, appena ventenne, è ospite del festival per parlare di Piuma, suo primo film da protagonista. E racconta a Cinecittà News che presto la vedremo in un ruolo completamente diverso in Like me back, accanto ad Angela Fontana e Denise Tantucci: tre amiche che vivono nel mondo dei social

Soko: "La mia Loïe Fuller, una grande femminista"

Ospite e "icona" del Biografilm Festival di Bologna, l'attrice e cantante francese Soko ha presentato Io danzerò, il film con cui l'esordiente Stéphanie Di Giusto ha restituito la parabola artistica ed esistenziale di Loïe Fuller, che agli inizi del '900 rivoluzionò la danza. Passato lo scorso anno al Certain Regard, il film sarà nelle nostre sale dal 15 giugno con I Wonder Pictures

Il "Producer on the move" Bertani: "Verso un nuovo cinema d'autore"

"Si può essere più avventurosi, dare uno slancio meno realista e più narrativo". Selezionato dal Festival di Cannes tra i Producers on the Move, Tommaso Bertani illustra a CinecittàNews la filosofia della sua Ring Film e annuncia il documentario di Elisa Fuksas Albe e il secondo film di Carlo Lavagna, una detective story

Annarita Zambrano: "Siamo tutti ostaggio della violenza"

L'opera prima, presentata in Un Certain Regard, racconta la stagione del terrorismo da un punto di vista inedito, quello dei familiari di un ideologo accusato di omicidio e rifugiato oltralpe. Un film in bilico tra due paesi, l'Italia e la Francia, come del resto la cineasta, che è nata a Roma e vive a Parigi. Il film, che ha come protagonisti Giuseppe Battiston e Barbora Bobulova, uscirà in Italia distribuito da I Wonder Pictures

Leonardo Di Costanzo: 'L'intrusa' è una storia universale

Il regista de L'intervallo porta a Cannes con L'intrusa, alla Quinzaine Des Réalisateurs, una storia di redenzione ambientata nella Napoli della criminalità. E spiega: “Quello che mi ha fatto più piacere è che la stampa estera non mi abbia fatto nemmeno una domanda sulla camorra o su Napoli, mi dà l’idea che la storia sia universale”

Castellitto e Mazzantini: "Fortunata, tragedia greca a Tor Pignattara"

Minigonna, canottiera colorata e capelli ossigenati: la caparbia protagonista di Fortunata (Jasmine Trinca) è una donna della periferia romana che cerca di coronare il suo sogno di aprire un negozio da parrucchiera e che incontra lo psicologo Patrizio (Stefano Accorsi). "E' un animale selvatico che lotta per sopravvivere, la protagonista femminile di un western che sfida un mondo maschile misogino - dice la sceneggiatrice Margaret Mazzantini - Fortunata cerca di sopravvivere in una giungla di relazioni, la sua forza sta anche nella sua vulnerabilità. Le sue mancanze la rendono umanissima". In sala con Universal e oggi a Un Certain Regard di Cannes, il film è ambientato a Tor Pignattara

Roberto De Paolis: "Perdere la verginità"

Cuori puri, opera prima del 37enne Roberto De Paolis, che debutterà il 23 maggio alla Quinzaine di Cannes e sarà in sala il giorno dopo con Cinema, racconta l'amore tra due giovanissimi nella periferia romana. Tra pregiudizi, scelte religiose e difficoltà quotidiane. "Ci sono due accezioni di purezza, una positiva e una negativa: rimanere incontaminati può voler dire restare chiusi agli altri", dice il regista

Ad