/ ARTICOLI

La musa Charlotte Rampling

"Mi sono trasformata in Hannah grazie alla confidenza totale con il regista", ha raccontato l'attrice britannica, interprete del film di Andrea Pallaoro. E sulla parità di genere nel cinema: "Non vedo il problema, se una donna vuole fare un film, lo fa"

La Roma multietnica di Abel Ferrara

Il suo documentario Piazza Vittorio (Fuori Concorso) è dedicato a una zona del quartiere Esquilino nella Capitale dove vive da tre anni. E’ il racconto di un microcosmo dove, come mostra il film, convivono, non senza difficoltà, tradizioni, culture e religioni diverse insieme ai cittadini romani. Un luogo simbolico dell’Italia che cambia e si confronta con la sfida dell’integrazione dei ‘nuovi italiani’

Utopia e passione chiudono le Giornate

Da una parte il mondo distopico e futurista di Life Guidance di Ruth Mader, in cui l’esistenza è un orizzonte perfetto, ma senza scelte, in cui tutti devono obbligatoriamente sentirsi felici e realizzati; dall’altro la pellicola piena di passione e vita Candelaria, del colombiano Jhonny Hendrix Hinestroza, storia di due anziani amanti che vanno avanti nonostante le avversità

Jusqu'à la garde, quando l'orrore è in famiglia

Jusqu'à la garde di Xavier Legrand è un'opera prima matura e stilisticamente coerente, che tratta un argomento di forte attualità come la violenza coniugale e familiare, che spesso sfocia nel femminicidio. "Volevo realizzare un film sulla famiglia e avvicinandomi all'argomento mi sono reso conto che la casa, il focolare domestico, in teoria il luogo dove ci si sente più al sicuro, è anche quello dove si è maggiormente in pericolo. Così il dramma familiare si è tramutato in horror"

Antonietta De Lillo e la scimmia di Kafka

La regista napoletana firma il mediometraggio Il signor Rotpeter (Fuori Concorso). All'origine la performance teatrale del racconto di Franz Kafka, “Una relazione per un’Accademia”, ideata e interpretata dall’attrice napoletana Marina Confalone. Si tratta di una lezione universitaria tenuta dal signor Rotpeter, una scimmia evolutasi in uomo, nella quale si ripercorrono le diverse fasi della sua metamorfosi

Lido Philo: Rocco Ronchi e la volontà di potenza

Nella terza conferenza di Lido Philo, presso l'Italian Pavilion all'Hotel Excelsior, Rocco Ronchi è partito dalla definizione nietzscheana della volontà di potenza, interpretandone il senso applicato alla politica

Abdellatif Kechiche: il mio non è uno sguardo maschilista

Il regista franco-tunisino porta in concorso Mektoub, My Love: canto uno, "un film anarchico  nel senso nobile del termine, un inno alla vita e alla luce, un’ode alla bellezza, un racconto gioioso e euforico che interroga le conseguenze delle azioni passate sul presente". E a chi lo critica per avere insistito sui corpi delle donne, risponde di “averle mostrate forti, potenti e libere”

Brutti e cattivi (e anche un po’ sporchi)

Una commedia dark su un gruppo di disabili infami, cialtroni e criminali è l’opera prima dello scenografo Cosimo GomezBrutti e cattivi, a Venezia nella sezione Orizzonti. Personaggi spietati che non vogliono pietà, rappresentanti di un’umanità reietta e avidamente alla ricerca di riscatto. Nel cast Claudio Santamaria, Marco D’amore, Sara Serraiocco e la star trash del web, Simoncino 

Lo sguardo di Valeria

Nasce dall'intensa esperienza di un bel documentario del 2013 (Per altri occhi), il nuovo film di Silvio Soldini, Il colore nascosto delle cose, presentato alla Mostra fuori concorso e in sala con Videa. Commedia sentimentale dai tratti inusuali con Valeria Golino, nei panni di un'osteopata cieca, e Adriano Giannini, in quello di un pubblicitario poco incline ai legami  

Ad