/ ARTICOLI

Pierce Brosnan: "Non vedo l'ora di rimettere la tutina per Mamma mia!"

"Mi sentirete di nuovo cantare, che vi piaccia o no!". Pierce Brosnan lo dice ridendo mentre annuncia che a fine anno sarà sul set di Mamma mia: Here We Go Again!, il sequel della commedia musicale che spopolò nel 2008. Ospite del Biografilm Festival di Bologna, l'ex James Bond accompagna la moglie Keely Shaye Brosnan a presentare il documentario ambientalista Poisoning Paradise, di cui lei è regista e lui produttore esecutivo

L'attore si racconta a Pesaro con Trinca e Carnelutti

L'Evento speciale del Festival (17-24 giugno) è dedicato quest'anno all'attore nel cinema italiano contemporaneo. Tra le presenze anche Jasmine Trinca e Valentina Carnelutti. Omaggio a Roberto Rossellini nel quarantennale della scomparsa. E la sezione Satellite propone opere sperimentali e fuori circuito

Ficarra & Picone, Superciak d'oro

Otto premi vanno a Indivisibili di Edoardo De Angelis. Successo anche per La pazza gioia che si aggiudica tre premi tra cui Miglior Film. Miglior regia a Gianni Amelio per La tenerezza. Superciak d'oro al duo comico siciliano che con L'ora legale rinnova la commedia in chiave civile

Corniche Kennedy: l’adolescenza che dura un tuffo

Esce il 15 giugno con Kitchenfilm Corniche Kennedy di Dominique Cabrera, tratto dal romanzo di Maylis De Kerangal. Corniche Kennedy è una strada di Marsiglia, che costeggia le acque del Mediterraneo. Qui sette adolescenti sfidano le leggi di gravità, e la morte, tuffandosi dalla scogliera sopra il litorale. Dalle finestre della sua abitazione chic, Suzanne li osserva in silenzio: desidera essere con loro

La mummia ritorna. Ed è femmina

Reebot dell’omonimo film del 1932 e di quello del ‘99, nella nuova versione ha come protagonista una donna, Sofia Boutella, accanto a Tom Cruise e Russell Crowe, diretti da Alex Kurtzman. E gli scenari mediorientali richiamano alle guerre contemporanee. Al cinema da oggi con la Universal 

Audace colpo degli 'over 70'

Esce il 15 giugno in 80 sale Il crimine non va in pensione di Fabio Fulco, una simpatica commedia dalla struttura ‘classica’ su una sgangherata banda di pensionati che decide di svaligiare una sala di scommesse. Il regista, Fulco (eccezione del cast, perché è l’unico ‘giovane’) è anche uno degli interpreti. Tra gli altri Stefania Sandrelli, Orso Maria Guerrini, Gianfranco D’Angelo, Giacomo Piperno, Ivano Marescotti, Maurizio Mattioli, Silvana Bosi e Gisella Sofio (recentemente scomparsa e a cui va un caloroso pensiero in conferenza stampa), con un’apparizione di Franco Nero

Omaggio a Paul Vecchiali a Lovers Film Festival

Il 32° Lovers Film Festival – Torino LGBTQI Visions, diretto da Irene Dionisio e presieduto da Giovanni Minerba, si terrà a Torino, dal 15 al 20 giugno. In programma anche una personale dedicata al regista corso con titoli come Le cancre e Trois mots en passant 

Nastri: le ‘Indivisibili’ si separano

Solo posti in piedi per la stampa alla serata di annuncio delle candidature dei Nastri d’Argento, in un affollatissimo foyer del MAXXI che fa da suggestiva cornice. Oltre alle cinquine, c’è anche l’annuncio del film vincitore nella cinquina speciale quest’anno dedicata ai giovani: è Piuma di Roan Johnson. Si annunciano anche i cinque vincitori dei Nastri tecnici: Fotografia (Luca Bigazzi), Montaggio (Francesca Calvelli), Scenografia (Marco Dentici), Costumi (Massimo Cantini Parrini), Sonoro in presa diretta (Alessandro Rolla). Un Premio Biraghi va Angela e Marianna Fontana, le due gemelle di Indivisibili, che chiudono la serata con una piccola grande notizia: “Stiamo lavorando ad altri film, ma stavolta separate”

Sfida ai Nastri tra Amelio, Castellitto e De Angelis

Si sfidano con le candidature ai nastri La tenerezza di Gianni Amelio, Fortunata di Sergio Castellitto e Indivisibili di Edoardo De Angelis, con 7 nomination ciascuno i film più candidati di quest’anno. Li seguono Fai bei sogni di Marco Bellocchio, Fiore di Claudio Giovannesi (6 candidature) e Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni (5 candidature). Tra i più ‘nominati’ anche Il padre d’Italia di Fabio Mollo, Il permesso: 48 ore fuori di Claudio Amendola, e Sicilian Ghost Story di Antonio Piazza e Fabio Grassadonia, tutti e tre in ‘cinquina’ con 4 candidature

Ad