/ FOCUS

LUCE CINECITTÀ

 Elementi

'La Dolce Vitti': apertura prorogata fino al 9 settembre

Dopo il successo di pubblico e di visitatori che l’hanno decretata uno degli eventi espositivi della Capitale, Istituto Luce Cinecittà  ha deciso di prorogare l’apertura de 'La Dolce Vitti', la mostra fotografica e multimediale dedicata alla diva, l’attrice, la donna Monica Vitti, organizzata da Luce-Cinecittà presso il Teatro dei Dioscuri al Quirinale per la cura di Nevio De Pascalis, Marco Dionisi e Stefano Stefanutto Rosa

Come il maestro dell'archeologia (non) uccise Hitler e Mussolini

Prodotto e distribuito da Luce Cinecittà arriva in home video il docu-noir di Enrico Caria L’uomo che non cambiò la storia che racconta la storia vera, straordinaria e tragicomica di Ranuccio Bianchi Bandinelli, il principe dell’archeologia italiana, di una visita guidata e del più clamoroso attentato mai immaginato contro Hitler e Mussolini

Il 20 maggio Cinecittà festeggia il Totoro Garden Day

Una giornata negli Studios dedicata al più famoso personaggio di Miyazaki, a 30 anni dall’uscita del film, che vedrà protagonisti i ragazzi con una proiezione, laboratori sulla stop motion e giardinaggio: per ricordare alle giovani generazioni l’importanza di un rapporto armonico tra uomo e natura

Videogiochi e patrimonio culturale a Cinecittà

Il ricco convegno ‘Videogames, Ricerca, Patrimonio Culturale’ ha aperto i lavori del Rome Video Game Lab, che si tiene a Cinecittà fino a domenica 6 maggio. In particolare nel panel di metà giornata è intervenuto Enrico Bufalini, direttore dell’area cinema e dell’archivio di Istituto Luce Cinecittà, che ha ricordato come “l’apertura delle istituzioni verso il videogame trovi fondamento proprio nella legge cinema del 2016"

 

 

Premio a Mosca a Giovanna Mezzogiorno

Giovanna Mezzogiorno ha vinto il Premio per la Migliore Attrice al 40° Festival Internazionale di Mosca per la sua intepretazione in Napoli Velata di Ferzan Ozpetek, invitato sia in Concorso che come Film di Apertura. La presenza dei titoli e delle delegazioni dei film italiani al Festival Internazionale di Mosca è coordinata da Istituto Luce Cinecittà-Filmitalia

Il nuovo Archivio Luce online: uno straordinario viaggio nel ‘900 italiano

Migliaia di filmati e foto in alta definizione, una nuova sezione redazionale con aggiornamenti quotidiani, playlist personalizzate, i nuovi grandi Fondi Quilici e Canale. Queste alcune delle novità del sito da oggi online, una piattaforma di lavoro ma anche uno spazio aperto a chiunque voglia avventurarsi nel racconto della nostra storia e della memoria del mondo in cui viviamo

Cinecittà Segreta in mostra dal 7 al 28 aprile

Per quattro weekend gli Studi cinematografici di Cinecittà aprono ai visitatori i luoghi dove prende vita il cinema, con un ingresso eccezionale per il pubblico anche a siti solitamente non accessibili come la Falegnameria e l’Attrezzeria scenica o gli interni della Palazzina Presidenziale, gioiello dell’architettura razionalista, la prima a essere costruita negli stabilimenti nel 1937

Rome Video Game Lab: i videogiochi arrivano a Cinecittà

La grande kermesse interamente dedicata al mondo del videogame, sbarca nella Fabbrica dei Sogni. Tre giorni, 4/6 maggio, di immersione, interazione, formazione, gioco. L’iniziativa è di Luce Cinecittà in regime di co-realizzazione con QAcademy impresa sociale, con ITA (Italian Trade Agency) e Aesvi (Associazione editori e sviluppatori videogiochi italiani)

Nastri Doc: quattro film Luce nelle cinquine finaliste

Tra le cinquine dei finalisti dei Nastri d’Argento per i Documentari – dedicati quest’anno a Folco Quilici, grande ricercatore antropologico e cacciatore di storie recentemente scomparso – ci sono quattro film di Istituto Luce Cinecittà: Barbiana ’65 - La lezione di Don Milani di G.A. D’Alessandro e La botta grossa di Sandro Baldoni per la sezione ‘Cinema del reale’, The italian jobs: Paramount Pictures e l’Italia di Marco Spagnoli e La lucida follia di Marco Ferreri di Anselma Dell’Olio per la sezione 'Cinema, Spettacolo, Arte'

Giuseppe Verdi e i nativi digitali

In tour il film di Mateo Zoni Il Club dei 27, basato sul mito di Giuseppe Verdi e del Paese del Melodramma, l’Italia. Ma quello di Zoni è un Verdi rubato alla solennità, ai busti e alle celebrazioni, per portarlo nell’Italia di oggi, a spasso nelle sue terre tra Parma e Piacenza, a portata di nativi digitali

Ad