/ FOCUS

USCITE

 Elementi

Una gita a Roma: l'esordio 'love budget' di Karin Proia

Esce il 4 maggio Una gita a Roma, prodotto e distribuito da C’è, esordio registico dell’attrice Karin Proia, una favolistica avventura di due bambini, fratello e sorella. A interpretarla la vera figlia di Proia, Tea Buranelli. Nel cast c’è anche suo marito, Filippo Buranelli, la collega Chiara Conti e le apparizioni speciali di Claudia Cardinale e Philippe Leroy, ma anche di Giovanni Lombardo Radice, del cantante Davide Merlini e del chitarrista Phil Palmer. “E’ stata una produzione Love budget – scherza Proia – ovvero fatta con pochissimi soldi, però con tanto amore". "Bisogna vivere tante vite - ha detto Claudia Cardinale - e lavorare anche con chi comincia. Io ho in programma quattro film a breve"

Veloci e furiosi al cinema

Intorno al campione Fast and Furious 8 è gran battaglia tra cinema italiano in chiave di commedia e cinema francese in salsa d'autore

Mal di pietre: l’amore virtuale, ben prima di Internet

Esce in 70 copie con Good Films, dopo essere passato a Cannes, Mal di pietre di Nicole Garcia, mélo con Marion Cotillard tratto da un romanzo della sarda Milena Agus, con il setting spostato al Sud della Francia. Il ‘mal di pietra’ del titolo sono i calcoli renali, che diventano però qui metafora di una condizione di vita disagiata della protagonista, Gabrielle, costretta dalla vita e dalla società (siamo negli anni ’50) a un matrimonio che non la appassiona, come in una versione moderna (ma più romantica) di 'Madame Bovary'. Ricoverata suo malgrado in clinica, intreccerà una storia d’amore clandestina con un altro paziente (Louis Garrel), che la porterà sull’orlo della follia

Le donne e il desiderio, l'Orso d'argento in sala

Orso d’Argento per la Miglior Sceneggiatura alla 66 esima Berlinale, Le donne e il desiderio di Tomasz Wasilewski, arriva in sala dal 27 aprile distribuito da Cinema di Valerio De Paolis. Il regista polacco torna ad affrontare l’universo femminile con la vicenda di quattro donne di età diversa ambientata nel 1990, quando soffia il vento del cambiamento. “Le donne – dice il regista – sono una parte molto importante della mia giovinezza, anche più della politica. E’ attraverso i loro occhi che guardavo il paese trasformarsi"

Lasciati andare: umorismo ebraico per Toni Servillo

L'attore, che presto sarà Berlusconi per Paolo Sorrentino, ricopre un ruolo inedito, quello di uno psicoanalista ebreo e intellettuale costretto ad allenare il corpo con una personal trainer, nella commedia di Francesco Amato Lasciati andare. Al cinema dal 13 aprile, anche nella nuova sala di Amatrice, che sarà inaugurata domani dal ministro Franceschini 

Underworld Blood Wars: la saga strizza l'occhio alle serie tv

Underworld: Blood Wars, quinto capitolo della lunga saga con Lupi Mannari e Vampiri iniziata nel 2003, strizza l'occhio alle serie tv e in particolare a Il trono di spade, avvicinandosi al format anche per regia e struttura. Del resto è televisiva la provenienza della nuova regista Anna Foerster, adrenalinica ma un po' fredda a livello espressivo. In sala dal 12 aprile

Moglie e marito: scambio di menti tra Favino e Smutniak

Esce il 12 aprile in 300 copie con Warner Bros Moglie e Marito, divertente commedia con Pierfrancesco Favino e Kasia Smutniak. Alla regia troviamo Simone Godano e alla produzione Matteo Rovere e Roberto Sessa. Nel cast anche Valerio Aprea. Il film si riallaccia in un certo senso a una tendenza degli ultimi anni, ovvero portare il cinema italiano a riacquisire padronanza del ‘genere’, e anche se si tratta di una commedia, il riferimento è più a Ritorno al Futuro (o a Nei panni di una bionda, o a Nei panni dell'altra, ma si potrebbe andare avanti all’infinito) che ai classici di Monicelli. Situazione di vita da tutti giorni, sconvolta però da un elemento ‘fantastico’, in questo caso lo ‘scambio di cervelli’ tra i due componenti di una coppia in crisi

Puffi, Power Rangers, e documentari Luce in sala

Dominano gli anni ’80 dei giocattoli e dei cartoni animati in sala, con il reboot dei Power Rangers e quello dei Puffi

Dai Power Rangers al Dottor Who: il pop diventa LGBT

Dopo il coming-out di Letonte in La Bella e la Bestia, anche il reboot dei Power Rangers di Dean Israelite, in arrivo nelle sale italiane il 6 aprile (con un anteprima a Cartoons on the bay) affronta, sebbene con un lievissimo accenno, le tematiche LGBT. Tra i cinque protagonisti infatti appare il primo supereroe gay di una produzione mainstream: la Yellow Ranger Trini interpretata da Becky G. Insomma, anche il pop comincia a rendersi conto che ci sono molti sessi, tanto che nella decima stagione della serie, che debutterà sulla BBC il 15 aprile, Bill Potts (Pearl Mackie), la nuova compagna di viaggio del 'dottore' (Peter Capaldi) che esplora dimensioni, epoche e pianeti, vivrà apertamente il suo essere lesbica, senza dimenticare Sulu in Star Trek: Beyond

the_startup: storia di Matteo, diciottenne con idea milionaria

In sala dal 6 aprile the_startup di Alessandro D’Alatri, vera storia di Matteo Achilli, fondatore di Egomnia, un social network di successo che calcola il merito di chiunque sia in cerca di lavoro sulla base di un algoritmo mettendolo in contatto con le aziende che potrebbero rappresentare il suo futuro. Presente in conferenza il vero Achilli: “Mi piace il messaggio del film – dice – non rappresentano un genio alla Steve Jobs, ma un ragazzo normale in cui tutti si possono riconoscere”

Ad