/ NEWS

Va a Pelè, un mito del calcio, il Premio Città di Roma Arcobaleno Latino, ideato da Gillo Pontecorvo, che sarà consegnato domani a Cannes. Vincitore del riconoscimento è infatti il documentario Pelè eterno del regista brasiliano Anibal Massaini Neto, sulla vita dello strordinario calciatore. Pelè, a Cannes già da un paio di giorni, non ha potuto fare a meno da ricordare la famosa Partita dei Mondiali del 1970, Italia-Brasile, in cui grazie alle sue prodezze il Brasile divenne campione del mondo.
"E' stato un grande onore per me giocare contro l'Italia di allora, amata e temuta da tutte le squadre", dice lo sportivo, che in Brasile ha scritto dversi copioni cinematografici ed è apparso in alcuni film brasliani come attore. Ora sta lavorando alla sceneggiatura di un nuovo film, "simile a City of God di Fernando Meirelles". La storia narra del calcio sudamericano, offrendo sia l'immagine della bellezza del gioco sia la corruzione del calcio dietro le quinte. "Falengo è, ad esempio, il migliore fans club del mondo e ora è alla bancarotta: bisogna chiedersi il perché. Nel film verrà anche raccontato il contrasto tra la povertà dei tifosi e la ricchezza dei proprietari dei fans club".

VEDI ANCHE

NEWS

Ad