/ NEWS

"Se avessero presentato il mio film in Iran lo avrei ritirato dal concorso a Berlino". Jafar Panahi, Orso d'oro con Taxi, replica a chi accusa la Berlinale di essere troppo politicizzata. E' l'Iran, dice all'Ansa, a far interferire la politica nel cinema. E aggiunge: "Sono libero su cauzione, per me è sempre possibile finire in carcere". E' stato per primo il sistema iraniano a contaminare il mondo del cinema con la politica - spiega Panahi al telefono - erigendo alti e spessi muri a più strati contro cui si scontra chi vuole fare cinema. I divieti a lui imposti con la condanna confermata nel 2011, come quello di non fare film per 20 anni, sono illegali, sottolinea ancora il regista, perché si tratta di pene accessorie che dovrebbero essere applicate solo dopo che sia stata scontata la pena a sei anni di carcere. 

VEDI ANCHE

BERLINO 2015

Ad