/ NEWS

Il mondo dei millennials, o se vogliamo della 'net generation', tra selfie, youtuber e influencer. In Sara e Marti, lungometraggio spin-off della serie tv per adolescenti, in onda dal 21 gennaio su Disney Channel (tutti i giorni dal lunedì al venerdì alle 20,30) si parla sostanzialmente di ragazzi, che vivono, crescono e sbagliano per poi pentirsene. Arriva sul grande schermo dal 14 marzo. Protagoniste le due affiatate sorelle cresciute a Londra e poi trasferite insieme al padre a Bevagna, piccolo borgo medievale nel cuore dell'Umbria.

Questa la storia.Sara (Aurora Moroni) parte con i fratelli Catalano, Luigi (Luigi di Giuseppe) e Guido (Guido Laudenzi), per la Sicilia alle volte di Modica. Qui infatti c'è ancora la storica casa dove la mamma delle due sorelle trascorreva le vacanze durante l'infanzia. Qui Sara conoscerà il timido e scostante Saro (Antonio Nicotra), un ragazzino buono, altruista, ma anche molto povero. I suoi coetanei viziati e nulla facenti hanno una brutta opinione di lui per via di suo padre, in carcere per un piccolo crimine.

Ma Sara, che si è presa una cotta per questo ragazzino  un po' selvaggio, aiuterà lentamente il giovane a farsi accettare dagli altri come a recuperare alcuni torti da lui subiti.Occasione di una vendetta targata 2.0, sarà un concerto in piazza, da postare sull'immancabile telefonino, con Marti (Chiara Del Francia), che nel frattempo ha raggiunto la sorella in Sicilia, e lo youtuber Leonardo Decarli che nel film compare come guest star nel ruolo di se stesso. Oltre a Saro e al suo fratellino Mimmo (Federico Pellitteri), di cui il ragazzo si prende quotidianamente cura insieme al nonno malato di Alzheimer, nel film anche un altro personaggio inedito, il vilain Luca (Gabriele Badaglialacqua), antagonista per eccellenza di Saro. Classico figlio di papà, ricco e arrogante, Luca è innamorato di Sara e la pretende. Detesta così Saro alimentando i pregiudizi sul suo conto. Vendicativo, come è, dopo il rifiuto di Sara decide di punire Saro organizzando un malefico piano ai suoi danni. Ma alla fine il bene trionfa.

VEDI ANCHE

DISTRIBUZIONE

Ad