/ NEWS

"Spero che la famiglia Mattarella possa riconoscersi ed emozionarsi in questo film, mi chiedo come mai dopo 39 anni nessuna fiction sia stata dedicata all'omicidio di Piersanti Mattarella. Questo per me è un mistero, ma mi ha dato l'onore di raccontare questa storia". Così il regista Aurelio Grimaldi racconta alla stampa ai Cantieri culturali della Zisa a Palermo il suo ultimo film, Il delitto Mattarella, appena finito di girare con un cast e una troupe interamente siciliane, sull'uccisione dell'ex presidente della Regione Piersanti Mattarella, fratello del Capo dello Stato. Alla presentazione sono presenti anche il presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana Gianfranco Miccichè, e il Governatore Nello Musumeci. Di lui il regista ha detto: "Un presidente come Musumeci che sceglie come segretario generale la signora Maria Mattarella (figlia di Piersanti ndr), manda un preciso segnale politico"."Quando ho girato la scena dell'omicidio ho avuto tre momenti di crollo emotivo - ha aggiunto il regista -, il sindaco Orlando mi ha scritto che la sua vita è cambiata da quel 6 gennaio 1980, ma credo che sia cambiata quella di tanti siciliani. Ed io, ero un siciliano controemigrato, avevo commesso il peccato di cadere in quello stereotipo di chi pensava 'se hanno ucciso un democristiano chissà cosa avrà combinato', e invece ho scoperto una famiglia eccezionale, che ad esempio non aveva mai pensato di creare una fondazione per la grande discrezione che la contraddistingue".Tante le realtà del sociale che il regista ha voluto ricordare e che hanno contribuito nel corso della lavorazione del film, dall'associazione delle Donne di Benin City al quartiere Danisinni, fino alla missione di Biagio Conte dove il regista spera di poter "presentare l'anteprima del film per dare un contributo alla missione".

"Credo che tutti abbiamo un conto in sospeso da saldare con la famiglia Mattarella in Sicilia e tra le vicende travagliate c'è anche quella del politico Rosario Nicoletti, nel mio film personaggio complesso e importante, un ruolo che ho affidato a Leo Gullotta. Credo sia doveroso ricordare questi anni neri della politica siciliana dove la vittima non è stata soltanto Piersanti Mattarella, ma anche Nicoletti".

 

VEDI ANCHE

PRODUZIONE

Ad