/ NEWS

LECCE. Assente il fratello gemello Fabio D’Innocenzo, bloccato a Roma dall'influenza, c'è solo Damiano a ritirare al Festival del cinema europeo, per La terra dell’abbastanza, il Premio Mario Verdone, destinato alle opere prime di registi under 40, dalle mani di Carlo e Silvia Verdone. Tocca perciò a Damiamo, con il suo marcato accento romano, accennare, senza entrare troppo nel dettaglio, i progetti di questi giovani 28enni, cresciuti tra la periferia di Tor Bella Monaca e il litorale di Anzio. Cinematograficamente autodidatti - “Abbiamo fatto l’istituto alberghiero” - sono stati chiamati da Matteo Garrone a collaborare alla sceneggiatura di Dogman .

Il progetto a cui stanno al momento già lavorando s’intitola Favolacce, prodotto da Pepito Produzioni, ed è una favola dark tra Italo Calvino e Gianni Rodari, “un film corale, non di genere. Abbiamo fatto più di 300 provini, e questa fase di lavorazione in cui i candidati vengono sentiti e inquadrati dalla videocamera è la parte più bella - racconta Damiano D’Innocenzo - Le riprese partiranno a luglio a Roma con 12 personaggi, di cui 6 bambini dai 10 ai 13 anni. Ci sarà solo un attore italiano famoso e poi utilizzeremo molto attori di teatro, facce che non richiamano altri film. La trama si svolge sul litorale romano con gente che aveva lì una seconda casa che a un certo punto è diventata la loro primissima abitazione".

Tra gli altri progetti dei due fratelli anche un western al femminile, con un cast in parte americano, titolo provvisorio Ex vedove; e una serie tv su un esorcista prodotta da Cattleya e intitolata Dio sottoterra, che “mostra come a volte la solitudine entra nelle nostre vite e fa cose orribili".

Ritirando il Premio Mario Verdone, Damiano si è augurato che i tanti riconoscimenti avuti "non impigriscano loro registi ma diventino sempre più curiosi, non creino stupide divisioni con i colleghi e un inutile clima competitivo",  Questa di seguito  motivazione del riconoscimento: “Nel raccontare com’è maledettamente facile assuefarsi al male i D’Innocenzo mettono a fuoco il ritratto di una gioventù divisa tra il richiamo dell’inferno al quale è destinata e l’improvvisa lucidità di capire che la consapevolezza è già una via d’uscita. Una coppia di registi da tenere d’occhio e un esordio straordinariamente girato dal quale, con un’idea di cinema già ambiziosa, filtra imprevedibile, la necessità di una tensione morale verso un riscatto personale, ancor prima che sociale”.

VEDI ANCHE

LECCE 2019

Ad