/ NEWS

CANNES - César Díaz ha esordito e ha vinto: Nuestras Madres s’è aggiudicato il premio Caméra d'Or.

Il premio è stato assegnato dalla Giuria presieduta dal regista cambogiano Rithy Panh. Nuestras Madres conta già altri due riconoscimenti arrivati durante questo festival: il premio SACD (Authors Society) e la Grand Rail d'Or.

Girato nella terra natìa del regista, il Guatemala, con una troupe da Guatemala, Messico, Francia e Belgio, Nuestras Madres è ambientato all'indomani della guerra civile nel Paese sudamericano. Ernesto (Armando Espitia), un giovane antropologo impiegato presso la Forensic Foundation, che identifica le persone che sono scomparse, attraverso la testimonianza di una vecchia signora, pensa di aver trovato un indizio che gli permetterà di rintracciare suo padre, un guerrigliero scomparso durante la guerra.

Il regista belga-guatemalteco César Díaz ha iniziato a lavorare nel cinema come assistente del presidente della Giuria del Concorso, Alejandro Gonzaléz Iñarritu.

Nuestras Madres è co-prodotto da Géraldine Sprimont (Need Productions, Belgio): dopo Girl di Lukas Dhont del 2018, è quindi il secondo anno consecutivo che la produzione belga vince la Caméra d'Or.

VEDI ANCHE

CANNES 2019

Ad