/ NEWS

Sarà la regista argentina Lucrecia Martel (Zama, La mujer sin cabeza) a presiedere la Giuria internazionale del Concorso di Venezia 76, che assegnerà il Leone d’oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali. La cineasta nell'accettare la proposta ha dichiarato: "E’ un onore, una responsabilità e un piacere far parte di questa celebrazione del cinema, dell’immenso desiderio dell’umanità di capire se stessa”.

Il direttore Alberto Barbera ha dichiarato: “Quattro lungometraggi e una manciata di corti, in poco meno di vent’anni, sono bastati a fare di Lucrecia Martel la più importante regista latino americana, e una delle maggiori al mondo. Nei suoi film, l’originalità della ricerca stilistica e il rigore della messa in scena sono al servizio di una visione del mondo esente da compromessi, dedita all’esplorazione dei misteri della sessualità femminile, delle dinamiche di gruppo e di classe. Le siamo grati per aver accettato con entusiasmo di mettere il suo sguardo esigente ma tutt’altro che privo di umanità al servizio dell’impegno che le viene richiesto”.

Nata a Salta, Argentina, Lucrecia Martel ha debuttato col suo primo lungometraggio La ciénaga (The Swamp) nel 2001, seguito da La niña santa (The Holy Girl) nel 2004 e da La mujer sin cabeza (The Headless Woman) nel 2008. Il suo quarto film, Zama (2017), un’esplorazione del colonialismo e del razzismo nell’America latina, è stato presentato in prima mondiale alla Mostra di Venezia. Retrospettive del suo lavoro sono state proiettate in molte istituzioni culturali e artistiche quali Harvard, MoMA, Lincoln Center, Cambridge e Tate Museum di Londra, insieme a una serie di masterclass sul suono e la narrazione che la regista ha tenuto nel mondo. Inoltre, Lucrecia Martel ha mostrato interesse per altri linguaggi artistici oltre al cinema.  La sua ultima collaborazione è stata con Björk, con la direzione del suo concerto Cornucopia allo Shed, considerato il più raffinato show dell’artista islandese a oggi.

VEDI ANCHE

VENEZIA 76

Ad