/ NEWS

Grande successo in America per I Am Banksy di Samantha Casella: il cortometraggio dedicato all'artista e writer cult la cui identità rimane ancora oggi misteriosa, massimo esponente della street-art e simbolo di una generazione, si è aggiudicato il premio come Best Mystery Short all'Olympus Film Festival, svoltosi presso il Laemmle NoHo 7 a Los Angeles e sarà distribuito, nel mese di luglio, nelle sale di Los Angeles partecipando così alle selezioni per gli Oscar 2020.

"Il mistero che avvolge l’identità di Banksy - spiega Samantha Casella - ha contribuito a ricoprirne di fascino la figura. Le sue opere denunciano le assurdità della società occidentale, la manipolazione mediatica, l’omologazione degli individui, l’atrocità della guerra, la falsità della politica, l’inquinamento, lo sfruttamento minorile, la brutalità della repressione poliziesca, il feticismo che avvolge il collezionismo. Per veicolare questi messaggi utilizza principalmente soggetti quali poliziotti, bambini, umili lavoratori, scimmie e ratti. Eppure, per quanto onorevoli siano questi presupposti, non appare così fuori luogo pensare a Banksy come a una mano disposta a veicolare determinati messaggi imposti da una mente decisa, se non a combattere, a puntare il dito contro il sistema votato al consumismo più sfrenato, ma forse più cinico, solo all’apparenza".

Nel cast Marco Iannitello, Caterina Silva, Diego Verdegiglio, Roberto Rizzoni, Mirko Ciociari e Matteo Fiori. 

VEDI ANCHE

CORTOMETRAGGI

Ad