/ NEWS

VENEZIA - La Giuria Internazionale assegna a All This Victory di Ahmad Ghossein il Gran Premio Settimana Internazionale della Critica-SIAE. Il film vince anche il Premio del Pubblico-Comune di Taranto e il Premio Mario Serandrei-Hotel Saturnia per Miglior Contributo Tecnico. Scales di Shahad Ameen vince il Premio Circolo del Cinema di Verona, assegnato da una giuria under 30.

Il Gran Premio Settimana Internazionale della Critica realizzato grazie al sostegno di Siae–Società Italiana degli Autori ed Editori e consistente in un riconoscimento del valore di € 5.000, viene assegnato da una giuria internazionale formata da Marta Bałaga, Paolo Mereghetti ed Erfan Rashid.

All This Victory di Ahmad Ghossein (Libano, Francia, Qatar) viene premiato per aver saputo raccontare un tema non certo nuovo – la follia della guerra – con una forza espressiva e una tensione inedite e coinvolgenti: rinchiusi in una casa che è una trappola e anche un campo di battaglia, i cinque protagonisti accompagnano lo spettatore dentro un’esperienza che è insieme kafkiana e surreale, capace di tener inchiodato il pubblico con la forza della suspense.

Scales di Shahad Ameen (Emirati Arabi, Iraq, Arabia Saudita) è premiato per averci condotto lungo l’orizzonte di un mare solcato dalle tracce di un mito arcaico e profondo, che rapisce corpi e sguardi, portando in superficie una visione lucida e feroce della contemporaneità. Per aver tratteggiato le forme di una complessità sociale attraverso una campitura di sonorità ancestrali, conflitti chiaroscurali e contrapposizioni spaziali. Per aver risposto con coraggio all’urgenza di abbracciare le forme di un femminile tramutato e molteplice, che vomita oceani e traccia nuove rotte, spezzando le catene di una ritualità patriarcale che si vorrebbe immutabile.

Il Premio Mario Serandrei - Hotel Saturnia & International per il Miglior Contributo Tecnico, premio sponsorizzato dall’Hotel Saturnia di Venezia e assegnato da un’apposita commissione di esperti composta da Chiara Borroni, Adriano De Grandis, Luca Pacilio va a All This Victory perché esaltando la funzione del fuoricampo in uno spazio obbligatoriamente claustrofobico, il film delega la quasi esclusività della narrazione al magistrale uso del sonoro in grado di assolvere anche la componente emotiva configurando gli elementi essenziali per raccontare la tensione e la paura.

Inoltre, una giuria composta dai redattori della rivista cinematografica francese La Septième Obsession, guidati da Thomas Aïdan, ha assegnato i seguenti premi ai cortometraggi in concorso alla quarta edizione di SIC@SIC (Short Italian Cinema @ Settimana Internazionale della Critica).

Premio al Miglior Cortometraggio offerto da Frame by Frame e consistente in servizi di post-produzione per il prossimo cortometraggio del regista premiato a Veronica non sa fumare di Chiara Marotta (Italia)

Premio alla Migliore Regia offerto da Stadion Video e consistente nella realizzazione dell’edizione inglese sottotitolata per il prossimo cortometraggio del regista premiato a Il nostro tempo di Veronica Spedicati (Italia)

Premio al Miglior Contributo Tecnico Premio offerto da Fondazione Fare Cinema e consistente nella partecipazione all’edizione 2020 del Corso di Alta Formazione Cinematografica in Regia “Fare Cinema” a Los Océanos son los verdaderos continentes di Tommaso Santambrogio (Italia).

Nel corso della premiazione verrà inoltre assegnato il Queer Lion Award a El Príncipe di Sebastian Muñoz, presentato in Concorso alla Settimana Internazionale della Critica.

VEDI ANCHE

VENEZIA 76

Ad