/ NEWS

Al Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà, in svolgimento a Milano fino a domenica 15 settembre, è in programma al Teatro Litta, ore 21.00, l’anteprima di IO e LEI di Massimo Ferrari con l’episodio dedicato ad Alda Merini, interpretato da Lorenza Indovina e con l’episodio dedicato a Franca Rame interpretato da Matilde Gioli; e al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci l’anteprima di Bellingcat - Truth in a Post-Truth world, l’esclusivo mondo del collettivo ‘citizen investigative journalism’, di Hans Pool.

Sempre al Teatro Litta, ore 11.00, l’ncontro pubblico “Non vogliamo essere di moda. Cinema delle donne: temi, modelli, linguaggi e generazioni a confronto” con Antonietta De Lillo, Wilma Labate, Maria Jovine e Adele Tulli. In collaborazione con WiFT&M – Women in film, television & media italia. Modera Cinzia Masòtina. Un appuntamento aperto a tutti in cui si parlerà delle battaglie per la parità di genere all’interno del mondo cinematografico, per rivendicare il ruolo della donna nella produzione contemporanea.

Ore 14.15, Il tempo lungo, regia di Andrea Canepari. Demesio Lusardi, agricoltore nel cuore della pianura piacentina, dopo quarant’anni decide di contattare i colleghi e amici, con i quali aveva recitato nel film Novecento: De Niro, Depardieu e Sutherland. La sua ricerca si incrocia con quella di tre ragazzi, che grazie a Demesio, riscoprono i valori della loro terra. Ore 19.15, Quando non puoi tornare indietro, regia di Leonardo Cineri Lombroso. La vita di Obaida, scappato da solo dalla guerra in Siria e rifugiato a Roma grazie ad una borsa di studio. Quando tutto sembra perduto, il ragazzo riuscirà a cambiare la sua vita: canterà a “The Voice”, si laureerà con il massimo dei voti e non smetterà mai di stupirsi.

Tra i documentari proposti al Museo nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo Da Vinci: ore 18.15, When tomatoes met Wagner, regia di Marianna Economou. Protagonisti del documentario sono gli abitanti di Elisa, un piccolo villaggio greco, che tentano di resistere all’avanzare della globalizzazione e delle multinazionali dell’agroalimentare.

Il festival è aperto al pubblico, ad entrata gratuita, sino ad esaurimento posti, ed è vietato ai minori di 18 anni.         

VEDI ANCHE

VISIONI DAL MONDO 2019

Ad