/ NEWS

Los Angeles, 1982: il giornalista italiano Lorenzo Soria arriva nella Mecca del cinema, quando già nell'89 diviene membro della Hollywood Foreign Press Association, affermandosi in breve nel suo Comitato di Direzione.

È diventato presidente per un paio di bienni, 2003-2005, poi nel 2015-2017, fino alla terza rielezione, lo scorso 2019, incarico destinato a durare fino al giugno 2021.

Lorenzo Soria, nella stessa Los Angeles, s'è spento stamattina, a 68 anni, dopo una faticosa malattia, un cancro. 

Soria era nato il 27 novembre 1951 a Buenos Aires, in Argentina, da genitori ebrei, lì rifugiati per sfuggire alle persecuzioni naziste: la mamma era un’insegnante, rimasta vedova giovanissima; tornato in Italia, è cresciuto a Milano, dove aveva anche cominciato il mestiere di giornalista per "L’Espresso", testata di cui è rimasto sempre collaboratore da Hollywood, come anche de "La stampa". 

Il suo apporto alla HFPA ha segnato molto l'industria hollywoodiana: intellettuale dall'ironica intelligenza, anche nel prolungato e complesso periodo della malattia. Sotto la sua presidenza sono stati stretti accordi con manifestazioni cinematografiche di rilievo internazionale, come Toronto e Venezia, anche per sostenere registi internazionali in periodi di studio a L.A..

Nell'estrema attualità, la cerimonia degli ultimi Golden Globe - gennaio 2020 - ha fatto storia diventando il primo dei grandi eventi hollywoodiani a prestare attenzione all'ecosistema dal punto di vista alimentare, servendo una cena completamente vegana. 

VEDI ANCHE

LUTTI

Ad