/ NEWS

New York diventa città del cinema, con la 58ma edizione del Film Festival: per la prima volta la rassegna lascia il Lincoln Center e Manhattan, per trasferirsi tra il Bronx, il Queens e Brooklyn, per questioni sanitarie e per via delle sale ancora chiuse, per cui sceglie il classico americano del drive-in: Bronx Zoo, Brooklyn Army Terminal, New York Hall of Science in Queens, le aree scelte. 

Il NYFF apre da oggi, 17 settembre, fino all’11 ottobre: anche l’agenda cambia, con una settimana in più rispetto al passato, e Lovers Rock - diretto da Steve McQueen - è il titolo d’apertura, primo di un'antologia (Small Axe) che comprende cinque storie, in cui McQueen esplora le sue radici all'interno della comunità delle Indie Occidentali a Londra. 

La sezione non competitiva del Festival conta 25 film in rappresentanza di 19 Paesi, tracui l'Italia: tra i titoli principali Notturno di Gianfranco Rosi, documentario girato tra Siria, Iraq, Kurdistan, Libano, che osserva la vita quotidiana delle popolazioni locali nella martoriata area del Medio Oriente; l’opera è l'unico documentario selezionato da tutti i principali festival internazionali: Venezia, Toronto, Telluride e, appunto, New York. 

Ed ancora, il Leone d’Oro della Mostra appena conclusa, Nomadland, il road movie diretto da Chloé Zhao; MLK/FBI di Sam Pollock; On the Rocks di Sophia Coppola; una versione di Spike Lee del film di David Byrne, American Utopia; il corto The Human Voice, primo film in inglese di Pedro Almodóvar.

Per la chiusura, l’anteprima mondiale French Exit di Azazel Jacob, con Michelle Pfeiffer e Lucas Hedges. 

VEDI ANCHE

FESTIVAL

Ad