/ NEWS

È firmato dal maestro del fumetto Mario Alberti il manifesto della 30ma edizione del Noir in Festival, in programma a Milano dal 1 al 6 marzo 2021, con un’immagine che ripercorre l’iconografia del genere. Da Sherlock Holmes a Tarantino passando per Lucarelli e Margaret Atwood, Alberti ha omaggiato il genere con una locandina corale che tra le filature di un vetro incrinato mostra, evanescenti, alcune delle icone che hanno reso il Noir una manifestazione del cinema e della letteratura in grado di resistere al tempo e di raccontare la realtà con sguardo lucido e disincantato. 

“L’esplosiva immagine di Mario Alberti - dichiarano i direttori Giorgio Gosetti e Marina Fabbri - oltre che un magnifico tributo a tanto cinema e letteratura che ha fatto la storia e che noi tutti amiamo, racconta con mirabile tempismo il senso di precarietà di questi tempi complessi, le “crepe” che vediamo quotidianamente; d’altro canto ci sembra che, come in un vaso kintsugi, l’arte possa, soprattutto oggi, contribuire a saldare la cesura tra lo spettatore e il mondo che lo circonda, ricostruendo una rappresentazione che interpreti la realtà. È esattamente ciò che desideriamo fare nel corso di questa trentesima edizione, che se da un lato guarderà al nostro passato dall’altro sarà convintamente proiettata verso il futuro.”

Posticipato ai primi di marzo a causa dell’emergenza sanitaria in corso, il programma del 30° Noir in Festival sarà quest’anno distribuito lungo tre mesi, con interviste e incontri sui social network, iniziative online e un nuovo sito internet che raccoglierà al suo interno un inedito “Archivio del Noir”. Gli appuntamenti sul web sono già cominciati nel segno del tradizionale Premio Giorgio Scerbanenco: alle votazioni del pubblico dei 17 libri semi-finalisti (ancora aperte sul sito del festival), seguiranno 5 imperdibili incontri con i finalisti, fino all’annuncio del vincitore, il 4 dicembre.

VEDI ANCHE

NOIR IN FESTIVAL 2021

Ad