/ NEWS

Martin Eden di Pietro Marcello entra nelle "top ten" dei migliori film del 2020 compilate dai critici cinematografici del 'New York Times' Manhola Dargis e A.O. Scott.

Dargis mette "il brillante adattamento dell'omonimo romanzo di Jack London" al primo posto della sua hit parade, che comprende tra gli altri David Byrne's American Utopia di Spike Lee, The Forty Year Old Version di Radha Blank e Beanpole di Kantemir Balagov.

Pubblicato nel 1909, il romanzo autobiografico di London è sempre stato più popolare in Europa che nel paese natale del suo autore e la versione di Marcello per lo schermo è "allo stesso tempo una ardente lettera d'amore e uno sfacciato atto di appropriazione culturale e immaginativa", scrive Scott che posiziona il film "con l'insanamente torrido" Luca Marinelli al quarto posto della sua classifica dopo il sequel di Borat (a suo avviso "innegabilmente il film più 2020 di tutti i tempi"), City Hall di Frederick Wiseman secondo alla pari con Collective del rumeno Alexander Nanau, e il "quasi-western" First Cow di Kelly Reichardt.

Girato nel 2018 a Napoli e selezionato l'anno scorso alla Mostra di Venezia, il film di Marcello non è ancora uscito negli Usa, ma si può ugualmente vedere su Kino Marquee, una piattaforma virtuale creata in tempi di Covid. Nel film, che ha fatto vincere a Marinelli la Coppa Volpi per il migliore attore, Marcello trapianta dalla California a Napoli il personaggio del marinaio avventuriero del romanzo di London e "gli dà l'intero XX secolo come sfondo per il suo ardore e la sua ambizione", osserva Scott: "Letteratura, politica, lotta di classe, sesso - è tutto qui, concentrato in una ribollente epica che sorprende continuamente e che cancella qualsiasi distinzione tra realismo e fantasia".

L'omaggio a Marcello è il secondo in questi giorni dei critici del New York Times per il cinema italiano: la scorsa settimana la Dargis e Scott avevano messo Toni Servillo nella loro hit parade dei 25 migliori attori del XXI secolo per le sue interpretazioni nel Divo e Loro di Paolo Sorrentino.  

VEDI ANCHE

EXPORT

Ad