/ NEWS

Da Grease a The Dark Knight, da The Blues Brothers a Shrek: la Biblioteca del Congresso ha pubblicato l'elenco dei film che sono stati inseriti nel National Film Registry, perché giudicati culturalmente, storicamente o esteticamente significativi.

Essere parte della lista, che ogni anno è sempre di 25 film, vuol dire che l'opera sarà preservata sotto i termini del National Film Preservation Act del 1988. The Dark Knight (2008) di Christopher Nolan, tra le altre cose, è stato scelto anche per essere un blockbuster, non a caso nella lista è il film che ha incassato di più a livello mondiale, oltre un miliardo di dollari. Oltre all'interpretazione di Joker di Heath Ledger, morto nel 2008, al quale fu assegnato un Oscar postumo nel 2009. Stesso discorso per Shrek (2001) con 484 milioni globalmente. La musica è stata anche tra i criteri di selezione diquest'anno, per questo la scelta di Grease (1978), The Blues Brothers (1980), Buena Vista Social Club (1999). 

Sono 800 in totale i film finora inseriti nel National Film Registry. Ogni pellicola deve avere almeno dieci anni di vita.Quest'anno nell'elenco sono presenti un numero record di film diretti da donne o registi di colore, rispettivamente nove e sette: tra questi Suspended Sentence (Suspense, 1913), un film muto co-diretto e interpretato da Lois Weber (1879-1939), e The Hurt Locker (2008) di Kathryn Bigelow, l'unica donna ad avervinto un Oscar come Miglior Regista. Regia al femminile anche per Bread, film muto statunitense del 1918 diretto da Ida MayPark, With Car and Camera Around the World (1929) co-diretto daAloha Wanderwell, La preda della belva (Outrage) film del 1950, diretto da Ida Lupino. Due film del 1982, Losing Ground e Illusions, diretti da due registe afro-americane, rispettivamente Kathleen Collins e Julie Dash. The Devil Never Sleep è invece di una regista messicana, Lourdes Portillo. Nell'elenco anche I gigli del campo (Lilies of the Field), un film del 1963 direttoda Ralph Nelson con Sidney Poitier, il primo afro-americano avincere un Oscar come Miglior Attore.   

"Includendo una varietà di registi - ha detto Carla Hayden, vertice della Biblioteca del Congresso - non stiamo solo cercando di stabilire dei record, bensì anche di dare la giusta versione di fatti riportati incorrettamente, mettendo in risalto gli straordinari contributi che le donne e le persone di colore hanno dato al cinema americano, nonostante enormi difficoltà".   

VEDI ANCHE

CINETECHE

Ad