/ NEWS

A trent’anni dal suo ultimo lavoro (Le porte del silenzio) il Noir in Festival rende omaggio a un autore di culto e sperimentatore con la presentazione del ritratto inedito realizzato da Antonietta De Lillo,  Fulci Talks, presentato in anteprima sulla piattaforma MYmovies lunedì 8 marzo nell’ambito del programma del Festival. “Se rimango nella memoria di chi mi ha amato e mi ricorda, io vivo lo stesso. Questa almeno è la mia tesi”, così si racconta davanti ad Antonietta De Lillo e al critico Marcello Garofalo, in una sorprendente e unica conversazione uncut. (Qui le nostre anticipazioni sul film

“Sono grata a Marcello Garofalo” - scrive Antonietta De Lillo nella presentazione al film - “per aver reso possibile questo incontro e per la sua lungimiranza nell’aver capito con tanto anticipo che il futuro del cinema sarebbe stato nel superamento delle barriere tra il cinema di genere e quello d’autore”. Dopo la presentazione del film, martedì 9 marzo verrà proposto un focus sul ritratto, alla presenza di Antonietta De Lillo, Marcello Garofalo, del musicista Fabio Frizzi e della figlia Antonietta Fulci, per raccontare il lavoro di recupero del materiale inedito di una delle ultime lunghe interviste rilasciate dal maestro trent’anni fa, in un’operazione di found footage e rielaborazione già sperimentata dalla regista in La pazza della porta accanto con la sua conversazione con Alda Merini. Questo incontro sarà visibile sui canali social del Festival (Facebook e YouTube).

L’omaggio a Lucio Fulci, che sarà articolato riproiettando cinque suoi film cult, prenderà il via, ad accesso gratuito e posti limitati, nella sala virtuale di MYmovies, al termine della serata di pre-apertura del Noir in Festival, domenica 7 marzo. A introdurre il primo film della rassegna, Una sull’altra (1969), una live notturna su social del festival tra Giorgio Gosetti e lo youtuber Federico Frusciante. Nelle altre serate della manifestazione verranno proiettati: Non si sevizia un paperino (1972), Sette note in nero (1977), Quando Alice ruppe lo specchio (1988) e il film di commiato Le porte del silenzio (1991). 

“Il recupero di una tradizione preziosa del cinema italiano di genere”, dicono Giorgio Gosetti e Marina Fabbri, “una stagione in cui tra gli anni ’60 e ’70 fiorì una generazione di talenti che faceva della trasgressione e dell’inventiva la bandiera creativa, senza preclusioni e steccati fra cinema ‘alto’ e cinema ‘popolare’, è una delle caratteristiche del nostro programma di quest’anno. Siamo grati ad Antonietta De Lillo così come alle società di distribuzione Minerva Group e R.T.I. per averci consentito un’incursione nella memoria che è  indicazione preziosa per una nuova generazione di autori e spettatori”.

VEDI ANCHE

NOIR IN FESTIVAL 2021

Ad