/ NEWS

Torino si è trasformata in New York per tre settimane grazie a Thank you, terzo film indiano che viene realizzato in Piemonte da ottobre 2020 a oggi.

Il lungometraggio diretto dal regista indiano Vikram K Kumar, con protagonisti Naga Chaitanya e Raashi Khanna, per quasi 3 settimane di shooting questa volta ha trasformato moltissime location della città e della regione in New York, dove il film è ambientato.

Per l’intero periodo delle riprese il cast tecnico e artistico ha utilizzato il Campus ITC ILO lungo le rive del Po come quartier generale, realizzando al suo interno anche alcune riprese. Altre sono state realizzate presso il Campus Einaudi dell’Università degli Studi di Torino, il Conservatorio Giuseppe Verdi, il Parco del Valentino, il Cinema Fratelli Marx. Diverse scene si sono svolte presso Villa Frua a Stresa (VB), presso la Stazione Italia 61 della GTT di Torino e presso l’Aeroporto di Cuneo Levaldigi.

La produzione esecutiva è stata realizzata dalla ODU Movies di Ivano Fucci, che torna in Piemonte per la terza volta dall’’autunno 2020, dopo le riprese del kolossal Radhe Shyam - che per molte settimane tra settembre e ottobre 2020 ha portato a Torino, Venaria e Barolo la star indiana Prabhas, in uscita il 30 luglio 2021 - e dopo le recenti riprese dell’action-movie Khiladi.

Le precedenti esperienze hanno attivato una serie di proficue collaborazioni sul territorio, rivelatesi fondamentali anche per le riprese di queste settimane, svoltesi in sicurezza nonostante l’emergenza sanitaria tuttora in corso. Fondamentale anche in questo caso il supporto e la collaborazione dell’ASL - Città di Torino, sia nella fase di preparazione per la realizzazione di linee guida, sia durante le riprese per la costante attività di screening per cast e troupe.

Da segnalare inoltre la preziosa collaborazione di IREN per lo spegnimento di luci in Via Locana, in relazione ad alcune importanti scene realizzate grazie alla collaborazione con il Museo d’Arte Urbana, quella dell’Università degli Studi di Torino per le riprese al Campus Einaudi, e quella di ENAC – Ente Nazionale per l’Aviazione Civile – Direzione Aeroportuale Nord-Ovest, all’aeroporto Cuneo Levaldigi.

I tre film hanno collocato circa 1.200 professionisti - di cui il 70% piemontese, tra cast tecnico, artistico e figurazioni – che, insieme a quanto speso per forniture e strutture ricettive vedono un investimento diretto che supera il 1 milione di euro. 

Il tutto ha prodotto una importante visibilità del Piemonte - i servizi cinematografici offerti, le professionalità locali e la grande varietà di location - nel distretto cinematografico di Hyderabad, capitale del Telangana e di Tollywood, ovvero l’enorme industria cinematografica telugu, che fa prevedere un ulteriore sviluppo del rapporto India-Piemonte nei prossimi mesi.

VEDI ANCHE

PRODUZIONE

Ad