/ NEWS

L'innovazione del prodotto audiovisivo, il mercato e la rappresentanza al centro di Univideo. Sono gli obiettivi di Pierluigi Bernasconi, nominato oggi presidente dall'assemblea dell'associazione di categoria che rappresenta gli Editori Audiovisivi su media digitali (DVD,Blu-ray, 4K Ultra HD) e online (piattaforme di distribuzione digitale di categoria). 

"Le sfide che ci aspettano - sottolinea Bernasconi - sono impegnative, dobbiamo mettere al centro le nostre imprese, i consumatori e il mercato e la storia che contraddistingue Univideo. Mi riferisco ad un modello di rappresentanza che punta ad essere non solo ascoltato ma anche coinvolto nel rilancio economico e industriale del nostro Paese, visto che l'industria audiovisiva ha un passato glorioso e vuole continuare ad essere protagonista in settori chiave quali la cultura e l'intrattenimento". Cavaliere del lavoro, già amministratore delegato di Mondadori Bookstore, il neo presidente di Univideo in passato ha ricoperto ruoli manageriali in brand come Media World, di cui è stato il fondatore, Iper Montebello, E-price. È stato vicepresidente di Aires e parte del board di Federdistribuzione.

Al suo fianco, in qualità di vicepresidenti, Luciana Migliavacca, presidente di Mustang Entertainment, Mauro Pezzali, direttore Area Video 01Distribution/Rai Cinema, Egidio Viggiani, direttore AffariGenerali e Istituzionali Prima Tv.   

Le nuove sfide che Univideo si appresta ad affrontare per i prossimi anni - sottolinea una nota - riguardano il consolidamento di un mercato audiovisivo caratterizzato da supporti fisici, sempre più tecnologicamente performanti in termini di prestazioni, con contenuti dall'alto valore esperienziale e un packaging capace di trasmettere cultura e storia, pensando alla condivisione familiare e al collezionista affezionato; e da un'offerta digitale pronta a rispondere in modo veloce e con un catalogo di film e contenuti ampio e alla portata di tutti, ai desideri di chi abitualmente trascorre parte del proprio tempo libero sul web. Le altre priorità riguardano l'ascolto, l'analisi e la comprensione dei trend di mercato, supportati da un consolidamento del valore della rappresentanza, oggi sempre più importante nel rapporto con le Istituzioni e i decisori pubblici e del mondo associativo.   

VEDI ANCHE

NOMINE

Ad