/ NEWS

Il ministro della Cultura, Dario Franceschini, ha firmato un decreto che indirizza 5 milioni di euro, quota parte del fondo emergenze spettacolo, cinema e audiovisivo, al sostegno, attraverso campagne di comunicazione e di informazione, della ripresa delle programmazioni delle sale cinematografiche, dei teatri, delle sale da concerto e di altri luoghi dello spettacolo dal vivo. Le risorse, distinte in due sottoquote da 2,5 milioni di euro per il cinema e 2,5 milioni di euro per lo spettacolo, sono assegnate alla Direzione generale Cinema e audiovisivo, la quale, d'intesa con la Direzione generale Spettacolo per quanto di sua competenza, anche avvalendosi di Cinecittà, promuove la realizzazione e la diffusione di campagne di informazione e comunicazione per sostenere la frequentazione di cinema, teatri, sale da concerto e altri luoghi di spettacolo dal vivo nel rispetto delle misure di prevenzione e sicurezza sanitaria. Il decreto sarà disponibile all'indirizzo https://cultura.gov.it/comunicati/decreti-del-ministro ad avvenuta registrazione da parte degli Organi di controllo. L'iniziativa ha ottenuto il plauso dell'Agis: "Questa decisione va pienamente incontro a quanto da noi richiesto", si legge in una nota. Soddisfazione anche da parte dell'Anec, che sottolinea anche il lavoro della filiera di distributori ed esercenti. 

Parte oggi La Cultura con il Green Pass, la campagna digitale del Ministero della Cultura 'per tornare a vivere la cultura in sicurezza'. A partire dal 6 agosto l'ingresso nei musei, mostre, istituti e luoghi della cultura, archivi, biblioteche, cinema, teatri, concerti e live all'aperto sarà infatti consentito previa esibizione del Green Pass che comprovi l'inoculazione almeno della prima dose vaccinale, così come stabilito dal decreto legge 'Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19 e per l'esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche''. ''In alternativa al Green Pass - spiega il Mic in una nota - sarà necessario esibire il certificato che attesti la guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi) o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido con al virus Sars-CoV-2 (validità 48 ore). Tali disposizioni non verranno applicate ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica''.

''L'accesso nei musei e luoghi della cultura - si legge nella nota - rimane comunque contingentato, con obbligo di mascherina e previa misurazione della temperatura e igienizzazione delle mani. La prenotazione per l'ingresso ai musei statali e alle mostre resta consigliata ma non obbligatoria''.

VEDI ANCHE

MIC

Ad