/ NEWS

Le emozioni e le aspettative dell'esordio raccontate da sei maestri del cinema italiano. È l'omaggio che Tayu Vlietstra - regista di padre italiano, mamma olandese e nonni cinesi, irlandesi e indonesiani - ha costruito con le testimonianze di Bernardo Bertolucci, Mario Monicelli, Lina Wertmuller, Marco Bellocchio, Liliana Cavani e Francesca Archibugi nel documentario 'Opera Prima', in concorso all'edizione numero 25 del Terra di Siena International Film Festival. Il lavoro sarà presentato martedi 28 settembre alle 18:30 al Nuovo Cinema Pendola, a Siena.

Vlietstra è stato allievo di Bertolucci e ha realizzato realizza un'indagine che è un documento prezioso sull' intreccio di emozioni vissute da alcuni tra i registi più autorevoli e amati al loro debutto cinematografico. ''Qualche anno fa - racconta - andai a trovare Bernardo a Trastevere per fargli vedere il mio nuovo documentario su Siena e il suo Palio, Il Palio riflesso dell'anima, realizzato per la Rai. Dopo pranzo iniziammo, come al solito, a parlare di cinema. Avevo da poco visto La Commare Secca, film d'esordio di Bernardo che girò a soli 21 anni, tratto da un soggetto di Pasolini. Gli chiesi come fosse nata l'dea di quel film, parlammo per ore e poi mi domandò del mio primo film. Gli dissi che ci stavo lavorando. Iniziammo a parlare di cosa rappresentasse il primo film per un regista, in termini di linguaggio, di tematiche, di storia ma soprattutto di cosa si volesse dire....''.

In quell' incontro furono presi ad esempio i primi film di alcuni registi amati da entrambi, Pasolini, Orson Welles, Godard, Hitchcock, Wim Wenders, Griffith e altri ancora. ''Fu un confronto molto interessante e stimolante - aggiunge Vlietstra - e mi venne subito l'idea di fare un documentario, un'indagine attorno agli esordi cinematografici. Cosi è nata Opera Prima''. Nel trailer e sui titoli di coda del documentario è stata inserita la canzone La Chambre, scritta ed interpretata da Claire, compagna di Tayu e talentuosa cantante italo-francese, che è anche un omaggio a Bertolucci, che amava moltissimo la canzone. 

VEDI ANCHE

DOCUMENTARI

Ad