/ NEWS

LIONE - Introdotto sul palcoscenico da Thierry Frémaux, direttore del Festival Lumière e dell’Institut Lumière di Lione, oltre che direttore del Festival di Cannes, Matteo Pavesi ha presentato la première mondiale della copia restaurata di Villa Falconieri, una coproduzione italo-tedesca diretta nel 1928 da Giulio Antamoro e Richard Oswald. Accompagnamento al pianoforte del maestro Didier Martel.

Matteo Pavesi, direttore della Cineteca di Milano, ha raccontato al pubblico del ritrovamento recente negli archivi milanesi d’una copia d’epoca in perfetto stato di conservazione e restaurata perfettamente. Un mélo flamboyant tratto dall’omonimo romanzo autobiografico pubblicato nel 1896 dal celebre scrittore tedesco Richard Voß (tradotto in italiano nel 2015 dalle Edizioni Empiria). Protagonista Maria Jacobini, una delle più popolari eroine romantiche del periodo muto. Vera protagonista del film è la monumentale Villa Falconieri, l’ex residenza papale che sovrasta Frascati e che era stata ristrutturata nel 1628 da due 'archistar' del calibro di Francesco Borromini e Antonio da Sangallo il Giovane su commissione del principe Orazio Falconieri.

Direttore della splendida fotografia Giovanni Vitrotti. L’iperattivo filmmaker d’origine torinese, soprannominato Vitrutìn, che nel secondo dopoguerra, avrebbe avuto un ruolo chiave nel cinema giuliano-dalmata. Vitrotti valorizza da par suo le meraviglie della maestosa villa, incluso un parco da sogno, illuminandone l’anima. Uno spettacolo tuttora abbagliante e modernissimo. La Roma Lazio Film Commission potrebbe includerlo tra i fiori all’occhiello realizzati nella regione dalle origini a oggi. Gli interni furono girati nei teatri di posa di Berlino dal coregista Richard Oswald, un cineasta viennese che si era affermato come uno dei maestri del cinema tedesco di Weimar. Gli esterni a Frascati e dintorni sono stati invece diretti dal coregista Giulio Antamoro. Il cineasta romano era divenuto famoso nel 1916 grazie a Christus, un kolossal biblico considerato una pietra miliare della storia del cinema. Villa Falconieri ha ottenuto al Festival di Lione il prestigioso marchio 'Lumière Classics'.

 

VEDI ANCHE

FESTIVAL LUMIÈRE

Ad