/ NEWS

Gina Lollobrigida e Isabella Ferrari sono le dive che ieri sera, 11 novembre, hanno impreziosito l’inaugurazione di Paparazzi, mostra fotografica collettiva allestita nella Domus Aurea Bulgari in via dei Condotti a Roma. L’esposizione racconta la Città Eterna degli anni 50-60, quelli della Dolce Vita, quando Roma e Cinecittà erano divenute un centro di attrazione per gli attori internazionali che vi soggiornavano volentieri anche fuori dal set.

Per la prima volta in Italia, saranno esposti anche alcuni scatti provenienti dall'archivio del fotografo Marcello Mencarini il cui autore rimane ad oggi sconosciuto. Queste immagini erano custodite in quella che Mencarini ha rinominato "La Valigia Romana": negli anni Ottanta, curiosando tra i banchi del mercato di Porta Portese a Roma, il fotografo scovò una valigia misteriosa contenente centinaia di negativi, riviste d'epoca, una lampada e un esposimetro. Esaminando le pellicole, Mencarini scoprì che si trattava di istantanee di attori, scrittori, artisti e politici degli anni '50-'60. Un materiale di immenso valore documentale che il caso aveva affidato proprio a un fotografo. Da quel momento, Mencarini non si è mai separato dalla valigia, il cui contenuto ha preservato e restaurato, fino ai giorni nostri.

Altre immagini arrivano dagli archivi del "King of Paparazzi" Rino Barillari, presente anch'egli alla mostra con la sua iconica macchina fotografica, e da Pierluigi Praturlon, il "Principe" della fotografia da palcoscenico e degli scatti da red carpet. Non mancano gli scatti di Tazio Secchiaroli, alle cui vicende s'ispirò Fellini per caratterizzare il fotografo Paparazzo ne La Dolce Vita: un personaggio che prestò per sempre il nome a un'intera generazione di maestri dello scatto fulmineo.

VEDI ANCHE

MOSTRE

Ad