/ NEWS

TORINO - "Sono molto soddisfatto. Uno splendido festival, con un aspetto qualitativo in linea con il Festival tradizionale e con qualche aggiunta pop, come i film di apertura e la chiusura con Santa Maradona. La pandemia che sta riprendendo ha un po' influito, ma noi che guardiamo avanti stiamo già pensando alla 40esima edizione. Abbiamo cominciato a parlane stamattina con il direttore Stefano Francia di Celle e vogliamo che sia un'edizione molto coinvolgente per la città, un'edizione da ricordare".

Così il presidente del Museo del Cinema di Torino, Enzo Ghigo, nella conferenza stampa di chiusura del 39° Festival. In attesa di avere i numeri, che saranno divulgati a metà della prossima settimana, il bilancio è positivo anche per il direttore del Museo, Domenico De Gaetano: "Rispetto a due anni fa - dice - è cresciuta molto la sinergia fra Festival e Museo", positivo secondo lui lo spostamento della location dalla sede Rai alla Mole. Mentre il direttore Stefano Francia di Celle parla di "un programma vasto che ha dato visibilità e promozione a tanto cinema indipendente, non solo quello dei giovani, ma anche alle nuove forme di produzione e distribuzione che stanno rivoluzionando il sistema. Vogliamo rendere sempre di più Torino un faro per il cinema indipendente e il cinema d'autore che necessita di promozione". Per la prossima edizione, De Gaetano spiega che l'idea è quella di mantenere la programmazione una settimana dopo le ATP Finals, indicativamente nel periodo fra il 26 novembre e il 3 dicembre

Anche TFI Torino Film Industry ha presentato i risultati dell’edizione live che per 9 giorni ha proposto un articolato calendario di appuntamenti legati al cinema indipendente. Progetto di Film Commission Torino Piemonte che comprende e mette in rete i Production Days organizzati dalla stessa FCTP, il TFL Meeting Event organizzato dal TorinoFilmLab del Museo Nazionale del Cinema e Torino Short Film Market (TSFM) vol. 6 organizzato dal Centro Nazionale del Cortometraggio, TFI Torino Film Industry ha promosso eventi di rilevanza internazionale dedicati ai professionisti dell’audiovisivo, con particolare attenzione ai nuovi talenti, al mercato del cortometraggio, al documentario, alle opere prime e seconde e alle serie tv più innovative.

"Nei primi 5 giorni di programmazione, dal 26 al 30 novembre, i Production Days hanno raccolto la sfida di questa doppia edizione live e online, raddoppiando le sedi e di conseguenza la programmazione e organizzando ben 64 eventi presso il Museo Nazionale del Risorgimento e il Circolo dei lettori", ha spiegato il direttore di Film Commission Torino Piemonte Paolo Manera. 1.500 gli accrediti (con 200 studenti provenienti da tutta Italia) e 2.500 presenze ai vari momenti. "Un risultato che si deve anche ai numerosi partner, da Doc/It Associazione Documentaristi Italiani fino a Sotto18, Cartoon Italia e Asifa, passando per il Salone Internazionale del Libro, fino ad arrivare a CNA Cinema e Audiovisivo Piemonte, ANAC e Roma Lazio Film Commission", ha aggiunto.

"Il circuito del cortometraggio internazionale continua ad essere una fucina inestimabile di nuovi talenti da scoprire e da portare sotto i riflettori. Inoltre la diversità dei progetti presentati e delle tematiche affrontate durante i panel, nonché una notevole presenza femminile, hanno reso TSFM come un punto d’incontro in cui più voci hanno potuto dialogare tra loro", affermano Enrico Vannucci ed Eugenie Botterau, direttori del Torino Short Film Market.

Il 14° TFL Meeting Event si è svolto nella sua versione live a Torino dal 29 novembre al 1° dicembre, con la presenza di 200 professionisti tra giurati, esperti, decision makers e partecipanti da 32 paesi. La managing director del TFL  Mercedes Fernandez precisa che "a 11 progetti di lungometraggi sono stati assegnati 240.000 euro di fondi in forma di 15 premi".

VEDI ANCHE

TFF 2021

Ad