/ NEWS

Dal 13 aprile al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, sarà disponibile l’esposizione fotografica firmata da Gianni Fiorito dedicata a È stata la mano di Dio, film di Paolo Sorrentino candidato all’Oscar come Miglior film internazionale. Curata da Maria Savarese, finanziata dalla Regione Campania e prodotta dalla Film Commission in collaborazione con il Mann, la mostra è composta da 51 scatti che ripercorrono il dietro le quinte e i luoghi amati dal regista. L'obiettivo corre da Marechiaro a Posillipo, dal Vomero ai Quartieri, dallo stadio oggi Maradona a piazza del Plebiscito. Nel percorso di Fiorito, da San Gennaro e o' munaciello, la Napoli anni '80, per temi come la famiglia, la passione, la ricerca della felicità, il cinema, la perseveranza in una carrellata di volti e corpi.

"L'emozione è grande - afferma la curatrice Maria Savarese - si tratta di un film fortemente autobiografico ed intimo e poi perché le fotografie sono state allestite intorno ad alcune opere di arte antica fra le più importanti al mondo''. Per Titta Fiore, presidente Film Commissione Regione Campania, ''le foto del set di Sorrentino raccontano indirettamente, oltre all'appeal del territorio e all'affidabilità dei suoi professionisti, la capacità di accogliere processi produttivi complessi grazie a un sistema regionale efficace''.

La mostra fa parte della serie di iniziative 'Il Mann per la città' . "Quando ci è stata proposta, avevo appena visto il film di Sorrentino con mio figlio. Abbiamo riso, eravamo commossi, e alla fine sempre più innamorati di Napoli - racconta il direttore Paolo Giulierini - Le stesse emozioni provate dagli spettatori di tutto il mondo si ritrovano nel viaggio per immagini di Gianni Fiorito. Cinema e fotografia, muse tra le muse, sono ormai di casa al Mann. I personaggi del film dialogano naturalmente con uomini e donne del passato, ritratti nei capolavori del Museo. E poi c'è Napoli, che l'arte di Sorrentino contribuisce a rendere globale".

VEDI ANCHE

MOSTRE

Ad