/ NEWS

Arriva in sala il 19 maggio con 01 Distribution il film d’esordio del regista Alessio Della Valle, American Night, ambientato nel mondo dell’arte contemporanea di New York, è un thriller neo-noir ricco di suspense e colpi di scena, che è già stato venduto in 18 Paesi nel Mondo.

Michael Rubino (Emile Hirsch) è il capo dei capi della mafia di newyorkese ma il suo più grande desiderio è quello di poter dedicare la sua vita alla pittura e diventare un grande artista. John Kaplan (Jonathan Rhys Meyers) è un mercante d'arte, il migliore al mondo per l’individuazione dei falsi. Le strade dei due, apparentemente così distanti, si incontreranno davanti a un bivio di cruciale importanza, il furto della Pink Marilyn di Warhol.

"La notte americana del titolo - ha dichiarato il regista Alessio Della Valle - è una notte dell'anima, perché come nei noir classici ho voluto scavare nell'interiorità dei personaggi per portarne fuori i tormenti. Ho lavorato molto sugli archetipi di questo genere cinematografico, mettendo in scena figure fortemente stilizzate ma tipiche. Più in generale, proprio come Warhol modernizzò e rinnovò l'icona fotografica di Marilyn Monroe con la sua opera, io ho cercato di fare lo stesso con le strutture tipiche del genere noir".

"Alessio mi è subito piaciuto nella sua visione, mi ha coinvolto subito. – rivela Emile Hirsch - È un film 'underdog', anti convenzionale ed eclettico. La quantità di opere d'arte che si vedono poi nel film è elevatissima! Non era mai accaduto prima. Per il mio personaggio ammetto che ho rubato dal Corleone di Al Pacino. Rubo spesso dai grandi del cinema cercando quelle sfumature che mi portano al giusto minimalismo". 

Il cast del film, oltre ai due protagonisti vanta un cast di artisti internazionali, da Paz Vega ad Anastacia, da Michael Madsen ad Annabelle Belmondo, da Maria Grazia Cucinotta a Fortunato Cerlino, che nel film interpreta un corriere d'arte di nome Shakey: "L'essere umano ha la vocazione al bello, al sublime - spiega Cerlino - e questo film racconta di persone comuni che quando hanno tra le mani un capolavoro si chiedono se siano più grandi o più piccoli di quest'opera. É questa la guerra che scatena la bellezza". L'attore che, tra l'altro, sarà nel cast del prossimo film di Roman Polanski The Palace continua: "Ho costruito il mio personaggio in American Night anche guardando a certi antieroi un po' cialtroneschi che appartengono alla tradizione della commedia all'italiana. Mi sono rifatto a modelli come Manfredi o Mastroianni e spero di essere stato all'altezza. Come suggerisce il suo nome, il mio Shakey è sempre agitato, confuso, sembra inseguire, ma invece è inseguito, crede di poter gestire la propria vita ma non è così".

VEDI ANCHE

USCITE

Ad