/ NEWS

L’undicesima edizione dell’Italian Contemporary Film Festival (ICFF), presentato da Lavazza, riparte il 24 giugno con proiezioni a Toronto, Montreal e in altre città canadesi fino al 16 luglio. Il festival dopo due anni di successi con il drive-in, creato per rispondere alle restrizioni imposte dalla pandemia, ritorna al cinema all’aperto e in sala, pur mantenendo disponibile il formato online.   “Questa è un’edizione straordinaria del festival - ha dichiarato Cristiano de Florentiis, co-fondatore e direttore artistico dell’ICFF - perché dopo due anni di isolamento e restrizioni, non solo è ancora più vitale di prima, ma propone una formula estremamente ricca e innovativa”.  

L’ICFF si avvale della collaborazione e del sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, attraverso l'Ambasciata d’Italia a Ottawa, il Consolato Generale d’Italia a Toronto, il Consolato Generale d’Italia a Montreal e l’Istituto italiano di Cultura di Toronto.   

Ospiti d’eccezione dell’edizione di quest’anno sono Alessandro Gassman, Claudia Gerini, Lino Banfi e Fabio De Luigi. Gerini sarà presente con il recentissimo Tapirulan, il suo eccellente esordio alla regia, insieme a Sulla Giostradi Giorgia Cecere, dove fornisce un’altra convincente prova della sua grande professionalità di attrice. Gassmann presenterà Il silenzio grande, tratto dall'omonimo testo teatrale di Maurizio De Giovanni. Il film ha vinto il Ciak d’oro 2021 per la miglior regia. In aggiunta, presenterà alcune immagini in anteprima assoluta dell’attesissimo blockbuster Il mio nome è vendetta.  Fabio De Luigi presenta E noi come stronzi rimanemmo a guardare diretto da Pierfrancesco Diliberto (Pif), una profonda riflessione sul dominio della realtà virtuale nella nostra società e le sue conseguenze sulla vita delle persone.  

L'ICFF ospiterà anche Lino Banfi, simbolo vivente della comicità italiana e della sua tradizione. Il Festival presenta il suo recente film Vecchie Canaglie di Chiara Sani. In occasione della sua partecipazione, Banfi riceverà  il premio ICFF alla carriera per l'edizione del 2022.   

L’ICFF ha creato una vera e propria cittadella del cinema nel Distillery Historic District, iconico landmark nel centro di Toronto, con un concetto totalmente nuovo di villaggio artistico e culturale all’aperto. Il festival torna anche nelle sale, con diverse proiezioni ed eventi nella sede del Toronto International Film Festival, e nei cinema di Montreal, Vaughan e Hamilton, insieme al già consolidato programma online, ICFF at Home, disponibile in tutto il Canada grazie alla piattaforma digitale gestita in collaborazione con il TIFF.  

Verranno presentati in questa edizione 30 film italiani e 23 cortometraggi, tutti volti a promuovere l’eccellenza italiana in tutte le sue forme, dalla moda all’enogastronomia, dalla letteratura all’architettura e al design, dallo sport alla musica.   L’ICFF è inoltre lieto di confermare Lavazza come “presenting sponsor” del festival e la partnership con il Distillery District, uno degli spazi culturali più importanti della città per l’arte e l’intrattenimento.

“Il Gruppo Lavazza,” ha dichiarato Andrea Chiaramello, responsabile di Lavazza Canada, “è orgoglioso di rafforzare il proprio rapporto con l’Italian Contemporary Film Festival, ormai consolidato da molti anni nella comunità di Toronto, che riconosce, sostiene e celebra il fortissimo legame dell’Italia con il cinema internazionale”.  

Per l’apertura ufficiale del festival verrà presentato Ennio, il pluripremiato documentario di Giuseppe Tornatore dedicato a Ennio Morricone, che ha vinto anche il Nastro D’Argento come miglior documentario dell’anno.   

Una serata di Gala precederà la proiezione di Il coraggio di contare di Francesco Miccichè, al TIFF Bell Lightbox. Anche quest’anno la sezione dedicata a Architettura e Design costituirà un importante momento del festival.  Tra le anteprime Di là del fiume e tra gli alberi (Across the River and Into the Trees), un contributo decisivo ad una delle più importanti missioni del festival, quella di sostenere le coproduzioni tra Italia e Canada. Il film, diretto da Paula Ortiz ha un cast ricco di volti noti italiani e hollywoodiani, da Liev Schreiber, a Matilda De Angelis e Giancarlo Giannini.  

VEDI ANCHE

FESTIVAL

Ad