/ NEWS

Kelvin Redvers, un produttore indigeno canadese, è stato allontanato dal tappeto rosso di Cannes per aver indossato i mocassini tradizionali della sua cultura. Il fatto, secondo quanto riportato da “Variety", sarebbe accaduto il 22 maggio durante la prima mondiale di Les Amandiers di Valeria Bruni Tedeschi. domenica dice di essersi sentito come "un criminale" per aver rappresentato la sua cultura al festival cinematografico più importante del mondo.

Il produttore di Vancouver, che fa parte dell’etnia Dene, faceva parte di un contingente di produttori indigeni che erano a Cannes per la prima volta, presentando i loro progetti e vivendo il festival. Il viaggio del gruppo è stato sostenuto dal finanziamento canadese dell'org Telefilm, dall'Indigenous Screen Office con sede a Toronto e dal programma FILMBA della Capilano University. Redvers era in fila per camminare sul tappeto rosso per accedere alla prestigiosa Sala Lumière quando è stato fermato dalla sicurezza e gli è stato chiesto di andarsene. L’uomo infatti, nonostante indossasse un completo nero con cravatta, aveva scambiato le scarpe eleganti con cui era andato al Palais des Festivals con un paio di mocassini marroni. A nulla sono servite le proteste e il richiamo a una flessibilità sul dress code nel rispetto delle tradizioni culturali.

"Era un bellissimo paio di mocassini che erano stati effettivamente ornati da mia sorella - afferma Redvers - Ero piuttosto entusiasta di indossarli. Una guardia di sicurezza abbastanza aggressiva si è stufata, mi è andata dritto in faccia e ha detto: 'Devi andartene ora. Vattene ora. Vattene ora. Vattene ora. Vattene!' Ero molto confuso e ferito; Mi sono sentito sminuito. Sono stato trattato come un criminale solo per aver cercato di indossare i miei abiti tradizionali e formali".

Cannes ha avuto una lunga storia di polemiche sul tappeto rosso e in passato ha respinto le donne che indossavano scarpe basse invece dei tacchi alti. Sebbene si tratti di una regola obsoleta, che non è mai stata codificata. La scorsa settimana, l'editore dei premi Variety Clayton Davis, afroamericano, è stato messo da parte per aver indossato uno smoking bianco invece di un completo nero o blu, nonostante un altro individuo, di carnagione bianca, indossasse uno smoking del tutto simile e camminasse sul tappeto senza alcun problema.

Dopo che Telefilm e Indigenous Screen Office si sono lamentati dell'alterco di Redvers, i vertici di Cannes - tra cui il segretario generale del festival François Desrousseaux e il responsabile del tappeto rosso - hanno incontrato Redvers il giorno successivo e si sono scusati per il trambusto. Allo stesso tempo, stranamente, la dirigenza di Cannes ha ammesso che, anche se il caso di Redvers fosse stato presentato allo staff del tappeto rosso che fa l'ultima chiamata all'ammissione, sarebbe stato respinto perché i suoi mocassini "semplicemente non si adattavano ai livelli di approvazione di ciò che era formale".

VEDI ANCHE

CANNES 2022

Ad