/ NEWS

Lo scorso settembre a Verona un concerto tributo per Franco Battiato, un sold out di pubblico e un inchino corale dal mondo della musica e della discografia al maestro (scomparso il 18 maggio 2021). 

Evocando la poesia e l’immaginario cantautorale di Battiato, quell’onirico concerto diventa un filmInvito al viaggio - Concerto per Franco Battiato, diretto da Pepsy Romanoff e prodotto da International Music & Arts ed Except. 

50 artisti, lo scorso 21 settembre all'Arena, si sono avvicendati sul prestigioso palcoscenico per proporre oltre 40 brani di Battiato, rinnovando la sua anima sempre parallelamente tradizionale e al contempo innovativa, pop e colta, sprone di divertimento e riflessione per più di una generazione, nel nome di un originale e personalissimo eclettismo creativo. 

Il film parte dall'album iconico La voce del padrone, con il suono e la messa in opera/scena dell'orchestra formata dalla Filarmonica dell'Opera Italiana Bruno Bartoletti, con Carlo Guaitoli alla direzione d'orchestra e pianoforte, insieme ai musicisti che hanno accompagnato Battiato nell'ultima tournée - Angelo Privitera alle tastiere e programmazione, Osvaldo Di Dio e Antonello D'Urso alle chitarre, Andrea Torresani al basso e Giordano Colombo alla batteria. L'evento è stato organizzato dai direttori artistici Francesco Cattini, Stefano Senardi , Pino "Pinaxa" Pischetola, Carlo Guaitoli e con la produzione esecutiva delle riprese video di Maurizio Vassallo.

Da Alice, storica “compagna” d’arte di Battiato, a Angelo Branduardi, a Jovanotti e Saturnino, fino a Giovanni Caccamo, cantautore siciliano che riconosce a Battiato la paternità artistica: "Porterò con amore e commozione il ricordo della mia partecipazione al concerto all'Arena di Verona: una grande preghiera collettiva di anime per Franco Battiato". 

"Essere stato coinvolto in Invito al viaggio all'Arena di Verona è stato per me un riconoscimento immenso", dice Saturnino, che continua: "Ho avuto la fortuna e il privilegio di poter collaborare con Franco Battiato, anche se per un arco di tempo piuttosto breve. Ci siamo incontrati in seguito, ma non ho avuto una vera e propria frequentazione, mentre Invito al viaggio è stato organizzato e voluto da persone che gli hanno voluto molto bene, e quindi essere stato scelto mi ha davvero riempito di orgoglio, perché evidentemente Franco Battiato ha parlato di me in mia assenza".

Il film è un’impronta di memoria alla seconda, quella per Franco Battiato in primis e quella di un momento musicale storico, quello dell’Arena, che poi ha scelto il linguaggio del cinema per sommare un ulteriore, perenne, affettuoso ossequio umano e artistico al maestro. 

Invito al viaggio - Concerto per Franco Battiato arriverà al cinema il 20, 21 e 22 giugno distribuito da Adler Entertainment.

VEDI ANCHE

DISTRIBUZIONE

Ad