/ NEWS

Tutto pronto per la 23ma edizione dello ShorTS International Film Festival, la manifestazione cinematografica organizzata dall'Associazione Maremetraggio, presieduta da Chiara Valenti Omero, e diretta da Maurizio di Rienzo, in programma a Trieste dall'1 al 9 luglio.

Il Festival avrà luogo in tre location del capoluogo giuliano: il Giardino Pubblico Muzio de Tommasini, dove si terranno le fondamentali proiezioni serali dei corti della sezione Maremetraggio e di quelli targati EFA - European Film Academy in Tour; il Teatro Miela dove si presenterà la sezione riservata ai lungometraggi Nuove Impronte, la Shorter Kids’n’Teens e il Focus Israele. Al Miela si assegneranno i Premi dei concorsi e ad attori e registi; mentre la Casa del Cinema ospiterà la sezione ShorTS Virtual Reality e i laboratori-corsi dedicati a realtà virtuale e cortometraggi.

Inoltre in collaborazione con la piattaforma MYmoviesONE sarà possibile visionare online in anteprima nazionale alcuni cortometraggi della sezione Maremetraggio e altri della sezione Shorter Kids’n’Teens.

Venerdì 8 luglio due importanti presenze da premiare una dopo l'altra, il consolidato regista Gabriele Mainetti e l'attrice rivelazione Aurora Giovinazzo perché legati dallo stesso film, Freaks Out. Ad Aurora Giovinazzo va il Premio Prospettiva istituito nel 2009 per segnalare talenti emergenti del cinema italiano, a seguire spazio al regista, produttore, sceneggiatore, musicista Gabriele Mainetti, cui il Festival attribuisce per il suo sguardo d'autore inventivo ed eclettico il Premio Cinema del Presente, riconoscimento che dal 2019 evidenzia il talento di un cineasta italiano.

Sempre a proposito di Premi, questa edizione di ShorTS istituisce il Premio Attrice del Presente che sabato 9 luglio alle ore 20.00 pressoil Teatro Miela andrà alla bravissima per tecnica e grinta Teresa Saponangelo, capace quest'anno di ottenere sia il David di Donatello che il Nastro d'Argento grazie alla magnifica vitalità di madre e moglie napoletana espressa nell'autobiografico È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino.

Per quanto riguarda le sezioni del Festival, 81 i corti in concorso nella sezione Maremetraggio, di cui 11 made in Italy, che offriranno un'ampia panoramica sulla vitalità di questo linguaggio cinematografico. Di grande significato la composizione della giuria di questa sezione, i cui membri sono l’egiziano Sameh Alaa, la israeliana Ella Kohn, il libanese Nicolas Khabbaz.
7 i lungometraggi in concorso nella sezione Nuove Impronte curata da Beatrice Fiorentino con Massimo Causo, tesa alla scoperta di talenti del cinema indipendente mondiale.
È riservata in toto a bambini e ragazzi la sezione Shorter Kids'n'Teens forte di 23 cortometraggi, sorta di “festival nel festival” curato da Manuela Morana, che punta a fare conoscere linguaggi e tecniche del cinema breve a giovanissimi preselezionati in un corso di approccio al cinema.
Il Festival guarda al futuro tecnologico-narrativo con la perdurante sezione competitiva ShorTS Virtual Reality, mentre saranno 16 i corti del Focus Israele riservato a produzioni cinematografiche recenti e storiche di una cinematografia prolifica e coinvolgente anche con lungometraggi e serie tv.

VEDI ANCHE

SHORTS 2022

Ad